Seguici su

Serie A

Juventus-Napoli, la prima volta di Gonzalo contro la sua ex squadra

Il 26 luglio 2016 passa alla storia come il giorno in cui Higuain “tradisce” Napoli accettando il trasferimento alla Juventus. il club bianconero deve versare nelle casse di De Laurentiis 90 milioni di euro.

Le due tifoserie, da sempre rivali, accettano in modi diversi l’arrivo, o la cessione, del Pipita dalla sponda azzurra a quella bianconera. Da una parte, c’è l’entusiasmo di tutto l’ambiente juventino per aver mandato in porto l’affare del secolo. Alla Juve è approdato Gonzalo Higuain, il capocannoniere dello scorso campionato che ha totalizzato trentasei reti in trentacinque partite giocate. Record assoluto di gol realizzato in Serie A. Con questo acquisto i tifosi bianconeri sognano, oltre che il sesto scudetto consecutivo, la coppa dalle grandi orecchie. La Champions League. Che manca a Torino da ventun anni e sfiorata nella stagione 2014/15 in cui la Juve ha perso in finale contro i marziani del Barcellona.

Dall’altra c’è stata tutta la delusione del popolo napoletano che ha interpretato l’operazione di mercato appunto come un tradimento da parte del loro attaccante. E’ come se la vostra ragazza vi tradisse con il vostro nemico. E’ questo il giusto paragone. La reazione dei tifosi non si è fatta attendere. Quella più veloce è stata sui social. Tra insulti e video in cui o si bruciava la maglia con il nome di Higuain o si faceva dell’ironia sul fatto che non sarebbe mai stato amato come quanto lo fosse stato a Napoli. inoltre, per la città si possono trovare addirittura bidoni dell’immondizia con la maglia dell’argentino.

CORE N’GRATO: Che in dialetto napoletano significa cuore ingrato. Ovvero colui che non è stato in grado di capire l’amore che gli ha dato una città intera. Higuain le ha letteralmente voltato le spalle, dimenticando tutte le volte che è andato sotto la curva a cantare e festeggiare insieme ai tifosi dopo una vittoria. questo i tifosi partenopei non lo dimenticheranno mai.

E Gonzalo Higuain lo sa. Ormai è un giocatore della Juventus, ma prima o poi sarebeb arrivato il momento, per lui, di affrontare il suo recente passato. Juventus e Napoli si sarebbere presto scontrate in campionato. L’ora è scoccata. Questa sera allo Juventus stadium ci sarà Juve-Napoli con il Pipita a guidare l’attacco di Allegri.

SFIDA NELLA SFIDA: Ed è proprio per questo che la partita di stasera diventa una sfida nella sfida. Oltre a voler battere la Juve per riaprire la corsa al primo posto, contro cui da quando esiste il nuovo stadio non ha mai vinto(5 sconfitte su 5 partite giocate), il Napoli vuole vincere anche contro il suo ex bomber. Per tutta la città sarebbe una grandissima soddisfazione.

Come reagiranno i tifosi di fede partenopea al big match di questa sera? Il pensiero è unanime: vincere per umiliare Higuain. E se dovesse segnare proprio lui? Come la prenderebbero?: “Se dovesse segnare spero almeno abbia il coraggio di esultare, altrimenti non sarebbe coerente con tutto quello che ha fatto”, dicono alcuni tifosi.
A questo si aggiungono anche le parole di mister Sarri: “Lo saluterò come un figlio che mi ha fatto incazzare“, dice nell’intervista a Sky nel post gara contro l’Empoli.

E’ tutto pronto per la partita di questa sera. Gonzalo contro il suo passato. Si aspetta solo il fischio d’inizio alle ore 20.45. 

Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Serie A