Seguici su

Serie A

Empoli, Martusciello: “Ci salveremo”

Tanta voglia di lavorare serenamente e tanta fiducia nei suoi ragazzi, questo le cose da evidenziare nella conferenza stampa di Martusciello in vista della partita di domani contro il Chievo di Maran. 


“Se vedo la classifica posso dirvi che è uno scontro crocevia, è un qualcosa che negli ultimi anni si è verificato poco, soprattutto dopo poche giornate di campionato. Queste situazioni di solito ci sono nei giorni di ritorno – sugli avversari – Affrontiamo il Chievo che è una squadra forte ed è in alto in classifica. A loro invidio di essere molto leggeri dal punto di vista mentale, una leggerezza che loro hanno è noi forse no proprio per la differenza di classifica – poi rasserena i suoi ragazzi – In queste ultime ore bisogna cercare di alleggerire la condizione mentale. Non bisogna avere troppa paura di perdere la partita, per non essere tristi in campo. Pensare al negativo è una cosa che poi si ripercuote anche in campo”

Peggior attacco d’ Europa“Io ho sempre detto che quando gli attaccanti non fanno gol si intristiscono. L’unica strada che devono percorre ed è quello che stanno facendo è quella della voglia di voler combattere. Non devono pensare a fare gol, devono fare gol. Se pensi al momento no diventi prigioniero. Devono liberarsi di questa cappa, prima della Juve e del Genoa occasioni ne abbiamo create, poi i nostri attaccanti i gol li hanno sempre fatti, devono solo lavorare bene ed essere consapevoli che loro sanno fare gol”.

Martusciello ha anche esaltato quello che per lui è il loro punto di forza, la difesa: “In questo momento stiamo facendo bene la fase difensiva anche perché magari quando commettiamo errori mettiamo dentro l’esperienza dell’essere giocatore, cioè quella cattiveria che a volte davanti ci è mancata, quella che ti fa riuscire a rimediare all’errore – continuando – Bisogna credere un pò di più in quello che si sta facendo, il bicchiere va visto mezzo pieno. Per il primo anno L’Empoli si trova a lottare per non retrocedere. Per me non è una difficoltà, anzi io l’ho sempre fatto. Io so come funziona. Il negativo c’è, ma va esaltato il positivo che c’è, come domenica scorsa. I numeri non devono essere un peso. E io sono convinto che l’Empoli si salverà“.

Il tecnico finisce la conferenza stampa con una frase che dà delle speranze in più ai tifosi: “La squadra ha fatto una settimana di lavoro importantissima. Questo non vuol dire vincere, ma la reazione è stata forte. Domenica ho visto amarezza, da mercoledì li ho visti completamente diversi e cattivi nel voler andare a fare una prestazione di livello”.

Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Serie A