Seguici su

Calcio estero

Barcellona, Piquè: “Mi dissero che non ero abbastanza forte. Voglio diventare il presidente”

Gerard Piquè, difensore del Barcellona e della Nazionale spagnola, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul suo passato a TV3: “Nel 2004 fui costretto a lasciare Barcellona per colpa di Van Gaal, mi disse che non ero all’altezza del Barcellona. Non mi reputava abbastanza forte. Fino ai 18 anni non mi ha mai fatto lavorare in palestra, mi ha distrutto”.

Poi ha svelato un suo sogno per il futuro: “Vorrei essere presidente del Barcellona un giorno. E’ uno step che vorrei fare una volta ritirato. Non mi vedo come manager e non credo mi piacerebbe farlo. Da presidente potrei fare il bene di questo club”.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Calcio estero