Seguici su

Ultime notizie

Closing Milan, quanti dubbi: e se Berlusconi…

milan-berlusconi-cosa-nascone-con-il-closing

E' dai tempi di Mr. Bee Taechaubol che ormai si parla di una possibile/papabile cessione delle quote del club rossonero, ma puntualmente spunta sempre qualcosa che, come in una trama di un film, fa slittare tutto. Ritorna in mente l'indiscrezione lanciata da l'Espresso di ormai un anno fa: e se il regista di questo film fosse proprio il patron rossonero Silvio Berlusconi? Arrivati a questo punto non è più possibile escludere nulla. 

Tanti i dubbi sulla cessione del 99,93% delle quote della società rossonera, partiamo da una domanda: “E' mai possibile che, sinora, la Sine Europe ha sborsato 200 milioni di euro senza diramare una lista ufficiale degli investitori cinesi?”.

Se, infatti, confrontassimo la cessione del Milan con quella dei cugini interisti noteremmo come, sponda nerazzurra, il passaggio di proprietà sia avvenuto in pochissime ore, con buona pace dei tifosi interisti, i quali hanno potuto subito tastare il tangibile potere economico del gruppo Suning in sede di calciomercato estivo.
“E se la storia del closing fosse solo una pantomima messa su da Berlusconi per fa rientrare in Italia capitali esteri detenuti in paradisi fiscali, grazie al lavoro, da prestanome, del gruppo Sine-Europe?”. Questa ipotesi, seppur ha del clamoroso, è comunque un qualcosa da non scartare minimamente. Infatti, il nuovo rinvio del closing, con conseguente versamento di una nuova caparra da 100 milioni di euro, ha fatto suonare questo campanello d'allarme. Berlusconi, si sa, è sempre stato, imprenditorialmente parlando, un passo avanti a tutti.
Una dose di fondatezza, in realtà, in questa tesi c'è: lo scorso 12 ottobre, l'Agenzia delle entrate ha diramato la black list dei paradisi fiscali, tra cui anche Hong Kong, non proprio così lontana geograficamente dalla Cina, anzi. La novità, tuttavia, è che la regione amministrativa speciale della Cina, ossia Hong Kong, come approvato dal Senato italiano uscirà dalla black list in seguito all'approvazione del testo per la ratifica e Convenzione contro le doppie imposizioni tra l’Italia e Hong Kong. Per la sua uscita dall'elenco e l'entrata in vigore della Convenzione occorre attendere il termine della procedura della ratifica, se questa si concluderà nel 2015, la Convenzione entrerà in vigore dal gennaio 2016.
E, guarda caso, prima dell'uscita da Hong Kong, Berlusconi avrebbe deciso di far rientrare 200 milioni di euro da questo paradiso fiscale (sempre nel nostro ipotetico disegno di ‘closing'). Un'indiscrezione, quindi, che certamente potrà sembrare surreale, quasi da non crederci, soprattutto per i tanti supporters rossoneri, ma da prendere seriamente in considerazione, visto il protrarsi, inspiegabile, della trattativa. 
Insomma, l'indiscrezione lanciata da l'Espresso è abbastanza datata ma potrebbe tornare attuale..

Commenta

Rispondi

Probabili formazioni Serie A

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Ultime notizie