Seguici su

Ultime notizie

Inter, Stramaccioni: “Convinsi Moratti con un foglio e una penna”

L’ex allenatore dell’Inter Stramaccioni ha parlato della sua
carriera prima da calciatore e poi da allenatore al corriere dello sport. Ecco
le sue dichiarazioni: “Quando giocavo a calcio ero considerato uno dei migliori
difensori centrali del settore giovanile, poi però mi sono rotto 3 legamenti su
4 del ginocchio e mi operarono con un metodo sperimentale. Mi fecero fare molto
potenziamento fisico ma alla fine successe di nuovo e smisi di giocare e per 3
anni non ho più voluto sentire parlare di calcio, non guardavo nemmeno le
partite. Quando iniziai ad allenare ho subito amato quello che facevo, vedere
che i calciatori ti seguono e fanno quello che pensi tu sul campo è fantastico.
Una squadra per funzionare dev’essere basata sul rispetto, è questo quello che
dico sempre ai miei calciatori. All’Inter i calciatori mi vedevano come la
persona giusta, per questo Moratti mi fece firmare un contratto di 3 anni.
Iniziammo molto bene la stagione con la vittoria sul campo della Juventus ma
poi cambiò tutto: Samuel,Palacio, Milito e Stankovic si infortunarono e la
società aveva dei problemi con Sneijder che voleva cedere a tutti i costi.
Infine anche Cassano iniziò a creare problemi che riguardavano il suo contratto
e forse la sua gestione è stata un mio errore.
Moratti mi seguiva dalla
primavera e quando mi convocò per affidarmi la panchina mi mise un foglio
bianco davanti e mi disse: <>. Mi feci coraggio e alla fine dissi tutto quello che pensavo”.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Probabili formazioni Serie A
Annuncio pubblicitario

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Ultime notizie