Seguici su

Serie A

Parla Pagliuca: Reina rimandato, Buffon promosso a pieni voti, Hart no

Gianluca Pagliuca ce ne ha per tutti: da Donnarumma a Buffon, passando per Reina e Szczesny. Sentite cosa ha da dire sulla situazione portieri che volano tra i pali del campionato italiano…

Se lo dice lui c'è da fidarsi. Gianluca Pagliuca, in passato portiere di Inter e Bologna, si è messo a fare il professore: in un'intervista rilasciata a La Nazione, l'ex portiere anche della nazionale azzurra si è divertito a dare giudizi sui portieri attualmente in forza al campionato di serie A.

In primis, si è espresso sul giovanissimo portiere del Milan: “Se fossi in Donnarumma non ci penserei su due volte a rinnovare coi rossoneri, e per svariati motivi: per riconoscenza, perché Inter e Juve non avrebbero dato ad un sedicenne la maglia da titolare; per bravura, il futuro ce l'ha in tasca e ha tutto il tempo per crescere e poi approdare all'estero; per speranza, perché il Milan cinese potrebbe davvero presto diventare un top club a livello europeo”

Da Milano a Napoli con un occhio su Roma, su Reina non ha dubbi: “Il carisma spagnolo c'è, ma quest'anno è stato troppo discontinuo: molte delle sconfitte sono dipese da lui. In Szeczesny, che i giallorossi non riscatteranno, vedo il degno sostituto. Anche perché a Roma ci sono già Alisson e Skorupski

Più al veleno, invece, su Joe Hart che a Torino non ha convinto nonostante il curriculum: “Troppi errori, si è espresso male”

Senza filtri sul numero 1 della Juventus e della nazionale italiana Gianluigi Buffon: “In Barcellona-Juventus, a portieri invertiti, sarebbero andati in finale i blaugrana. Gigi è un monumento del calcio mondiale, e sono convinto che abbia un programma ben preciso in mente: vincere la Champions, poi la coppa intercontinentale e infine partecipare ai mondiali russi”

Infine, un riassunto di cosa significhi essere portiere: “Il nostro ruolo è fondamentale, come quello del bomber: decidiamo le partite. Alleno dei ragazzi a cui ricordo che si è sempre sotto i riflettori, nel bene e nel male. Per essere un buon portiere bisogna avere coraggio, sangue freddo e personalità. Soprattutto quest'ultima: l'ultimo baluardo di cui fidarsi ciecamente, i compagni di squadra devono saperlo!”

 

 


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Serie A