Seguici su

Serie A

Juventus, caso Benatia: "Trovino il colpevole". La Rai: "Noi non siamo stati"

Dopo l'incresciosa vicenda avvenuta sabato sera, Benatia e la Juventus vogliono che si faccia chiarezza e che la Rai trovi il colpevole dell'insulto

Mehdi Benatia e la Juventus vogliono assolutamente trovare un colpevole nella vicenda dello scorso sabato sera: il difensore bianconero, durante la trasmissione ‘Calcio Champagne‘ in diretta su Rai Due, ha sentito nell'auricolare “Stai zitto, marocchino di m…” [QUI IL VIDEO].
Stando a quanto riportato sui social, l'ex Bayern Monaco, ha affermato: “Ci tengo a confermare le parole che ho sentito nell'auricolare, che anche altre due persone hanno ascoltato. Il male che è stato commesso è tragico, ma più grave è non riconoscere i propri errori. È in corso un'indagine. L’Italia è un Paese che ho nel cuore da anni, ma purtroppo c’è una minoranza intollerante. Sono marocchino ed estremamente fiero di esserlo!“.


A chi le colpe quindi? A tal proposito, la Rai ha emesso un comunicato ufficiale: “La Rai è sinceramente dispiaciuta per il deplorevole episodio di razzismo che ha coinvolto Benatia e che per fortuna non è stato accessibile ai telespettatori. Rai ha messo in moto tutte le verifiche per individuare il responsabile dell’accaduto e al momento gli approfondimenti tecnici istruiti portano a escludere che a pronunciare le inaccettabili frasi possa essere stato un dipendente dell’azienda. La ricerca andrà avanti, ma vista la gravità dell’accaduto Rai porge la sua piena e totale solidarietà al calciatore e alla società“.
Gli approfondimenti tecnici di cui si parla nel comunicato, rivelano che la frase incriminata è stata ascoltata da tre persone, ovvero Benatia, l'inviato Rai Dario Moricone e Gabriella Ravizzotti dell'ufficio stampa Juve.
Inoltre, la Juventus è una tra le squadre che ha deciso di servirsi dei propri service: ciò significa che le interviste in zona mista sono curate dal club bianconero. Ciò fa pensare che la frase possa essere partita direttamente dal service stesso, ma la società bianconera lo esclude: “Alcune dichiarazioni informali e sui social tendono ad addebitare tale interferenza al servizio di produzione fornito da Juventus a Rai Sport. Circostanza inverosimile, poiché la produzione in loco non interloquisce con l’ospite. Juventus confida che le verifiche in atto da parte di Rai Sport proseguano senza indulgere in alibi che tendono a minimizzare e a distorcere i fatti“.
A seguito di ciò, Marco Mazzocchi, vicedirettore di Rai Sport, ha replicato: “Mi spiace per quanto avvenuto, condanno la frase, ma confermo che dopo accurate ricerche non c’è responsabilità da parte di uomini Rai, né di tecnici né di collaboratori. Non voglio dare colpe ad altri, ma se l’audio fosse partito da Milano o Roma si sarebbe sentito in studio e in regia. Invece è stato ascoltato soltanto da tre persone a Torino. Vuol dire che la frase è partita dal service esterno che non c’entra nulla con la Rai“.


PILLOLA DI FANTA

Chi l'ha comprato a inizio stagione, sarà rimasto deluso, chi l'ha preso al fantamercato di riparazione di febbraio è stato recidivo. Benatia è stato utilizzato come vera e propria riserva di Chiellini, Bonucci e qualche volta anche dietro Barzagli e Rugani. Allegri lo ha mandato in campo solo in 12 partite e nonostante tutto, i suoi voti sono sempre stati sufficienti, tranne in un paio di occasioni. 6,12 la media voto, 6,29 la fantamedia, non eccellente, ma neanche pessima. Possiamo definirlo un ECCELLENTE RIMPIAZZO.


Commenta

Rispondi

Probabili formazioni Serie A

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Serie A