Seguici su

Coppa Italia

Juventus-Lazio, Inzaghi: "In finale può succedere di tutto. Orgoglioso della mia squadra"

simone inzaghi conferenza stampa lazio

Ha appena finito di parlare Simone Inzaghi alla vigilia di Lazio – Juventus, valida per la 70esima edizione della Coppa Italia

E' appena terminata la conferenza stampa prepartita di Simone Inzaghi, accompagnato in sala dal capitano Biglia. Queste le sue parole: “La Juventus è fortissima, sarà una partita molto importante per noi – afferma l'ex attaccante – Nessuno ci ha regalato nulla, abbiamo battuto Genoa, Inter e Roma, ci meritiamo questa finale”.
“Certe gare si preparano da sole – continua – giocando con umiltà, disponibilità e con la mente libera. Loro sono i favoriti, ma in una gara secca può succedere di tutto. Noi dovremo fare la partita della vita, senza disattenzioni, siamo all'Olimpico e faremo una gara da Lazio”.
A chi gli chiede se è dispiaciuto di dover affrontare la finale adesso e non a giugno risponde: “Io sono molto felice che abbiamo dovuto anticipare la partita. E' sempre bello vedere una squadra italiana che arriva in finale di Champions League. E' giusto giocare domani”.
Questa sarà una finale importante per Inzaghi, infatti: “Ho un certo feeling con la Coppa Italia, l'ho vinta al primo colpo sia da giocatore che da allenatore della primavera. Poi sono molto orgoglioso di questo gruppo, sapevo cosa mi avrebbero dato. Le difficoltà in stagione ci stanno, ma siamo cresciuti tanto”.
Anche Simone sembra non sapere come si schiererà domani la Juventus: “Non abbiamo indicazioni precise, ma non conta – precisa – L'importante è sapere che affronteremo la migliore squadra in Italia. Vincono da 6 anni e sono a Cardiff“.
Domani l'Olimpico sarà in gran parte biancoceleste: “Per me è motivo di grande orgoglio, mi ricorda il pubblico che c'era quando ho vinto lo scudetto con questa maglia”. E tra i tifosi ci sarà anche suo fratello Filippo: “Si, è riuscito a liberarsi e verrà. È inutile fare confronti, farà il tifo per me e basta”.


Pillola di Fanta

Tornato a guidare la Lazio dopo il rocambolesco caso Bielsa, Inzaghi ha conquistato la fiducia di tutti. A conferma di ciò ci sono i risultati. 70 punti in classifica con annesso quarto posto assicurato, e soprattutto una finale di Coppa Italia tutta da giocare. Tra i suoi maggiori meriti quello di aver rivitalizzato Felipe Anderson e Immobile. Il primo ha vissuto una stagione in crescendo, ritornando nel mirino di grandi club. Ciro, invece, dopo aver girovagato per l'Europa, ha trovato la sua dimensione ‘biancoceleste'. Per lui 22 gol, eguagliato il personale record del 2013/2014. SORPRENDENTI


Commenta

Rispondi

Probabili formazioni Serie A

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Coppa Italia