Seguici su

Serie A

Pescara, bomba carta nel giardino di casa del presidente Sebastiani

attentato Sebastiani presidente Pescara

Nella tarda serata di ieri una bomba carta è esplosa nel giardino della casa del presidente del Pescara Daniele Sebastiani. E' il secondo atto intimidatorio nei suoi confronti nel giro di pochi mesi

Non c'è pace per il presidente del Pescara Daniele Sebastiani. Il patron del Delfino sta pagando a caro prezzo la retrocessione della sua squadra. 
Nella giornata di ieri è stato registrato un altro atto intimidatorio nei confronti di Sebastiani. Alle 23 è scoppiata una bomba carta nel giardino della sua abitazione per fortuna senza nessuna conseguenza. L'evento è da accoppiare ad altre situazioni simili avvenute negli ultimi mesi. Poche settimane fa alcuni giocatori sono stati aggrediti verbalmente dai tifosi, a febbraio due macchine del presidente sono state incendiate e nel periodo di Natale ci fu un altro scontro tra tifo organizzato e giocatori.
I tifosi, che da tempo hanno messo in atto uno sciopero del tifo, scontenti della disastrosa annata stanno chiedendo con le maniere forti a Sebastiani di lasciare la presidenza. L'imprenditore pescarese è accusato di non essere in grado e di non voler investire sulla squadra. 
La situazione del Pescara Calcio è sempre più grigia, ed il peggio pare debba ancora arrivare.


PILLOLA DI FANTA:

Nonostante il modo in cui viene effettuata questa protesta sia totalmente da condannare, i tifosi del Delfino hanno tutto il diritto di essere scontenti per le prestazioni offerte dai loro beniamini. Retrocessione arrivata con 5 turni di anticipo, una sola vittoria in campionato, peggior difesa con 76 gol subiti e terzo peggior attacco con 34 gol realizzati. CENERENTOLA


Commenta

Rispondi

Probabili formazioni Serie A

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Serie A