Seguici su

Ti amo fantacalcio!

Serie A, 34^ giornata: Fantacalcio, ti amo!

Keita-Balde-Lazio

Anche se primo maggio, la redazione non si ferma mai e lavora per voi: tutti i bonus e malus del turno numero 34 di campionato. Da Matri a Destro, passando per Conti e Basta. C'è tutto!

Si comincia di venerdì a Bergamo, con la Juve impegnata a costruirsi lo scudetto. Ma gli uomini di Allegri fanno male i… Conti: Andrea è da orgasmo e va in rete anche contro la prima in classifica. 7 in pagella, meno ammonizione: il giallo è pesante, fuori per squalifica a Udine. Ancora Atalanta, anzi no: Spinazzola segna, ma nella porta sbagliata. Autorete che manda al manicomio chi ha provato a schierarlo sulla stessa corsia di Cuadrado. Si fa attendere, ma eccolo: vantaggio bianconero con Dani Alves che in tuffo raccoglie un assist al bacio di Pjanic. +3 per il brasiliano. E non è ancora finita, quando Freuler riagguanta un extremis un pareggio meritato. Finisce con due reti subite a testa per Buffon e Berisha. Male Higuaìn e Mandzukic, Papu Gomez solito show.


Alle 20.45 è Belotti VS Schick. Il punteggio finisce in parità, ma la personale sfida tra i centravanti la vince il ceco che però la porta la vede eccome: subito avanti gli ospiti con un tiro chirurgico dalla distanza del dottor Patrick che apre le ferite mai rimarginate del paziente Hart. Per vedere la scossa dei granata, bisogna attendere la fase finale dell'incontro quando Regini decide di mandare in porta il subentrato Iturbe che sigla l'1-1. Il Gallo Belotti ci prova, ma niente. Così come Quagliarella.


Il lunch-match delle 12.30 della domenica è per i (non) deboli di cuore: il derby tra Roma e Lazio è a tinte biancocelesti. Mattatore assoluto della gara è quel Balde giovane di Keita che fa letteralmente ammattire la difesa giallorossa: in mezzo alla sua personalissima doppietta che vale il più magico dei +6, riecco un gol di Basta che fa crollare Szczesny. -3 per il gigante polacco! Per gli uomini di Spalletti, il +3 è a cura di capitan De Rossi che dal dischetto non sbaglia e buca un ottimo Strakosha. Rudiger: rosso diretto! Biglia incanta. De Vrij un muro, Fazio un gradino basso basso da scavalcare.


L'Udinese fa visita al Bologna per una fuori porta: di fatti, i padroni di casa passeggiano sui friulani con il risultato finale che si stampa sul 4-0. Toc-Toc, chi è? Mattia Destro! +6 da sballo e doppia cifra quasi distante appena un'altra realizzazione. In mezzo, il gol di Taider su suggerimento del treno Krejci che viaggia sul binario di destra: +3 e +1 facili facili. Infine, a completare il poker, Verdi o Danilo? Danilo: è auotogol. La lega si è espressa e i fantallenatori che hanno Simone li potete raggiungere in sala rianimazione. Karnezis è disastroso come tutta l'Udinese, Maietta per gli emiliani una sicurezza.


Il Genoa si lega una corda al collo e cade nel baratro della lotta retrocessione. Tra le mura amiche si fa raggiungere e sorpassare dal Chievo di Maran. L'incubo fantacalcistico ha un nome e cognome: Giovanni Simeone. Sbaglia un rigore e non si riprende più. Che fine hai fatto, Cholito? Poco dopo, Goran Pandev mette a segno la sua seconda rete stagionale. Nella ripresa i padroni di casa lasciano il campo agli ospiti che ne approfittano: prima Bastien, poi Birsa. Ritorno al +3 per Walter che spunta anche il -2 per Lamanna.


Rallentamenti e code sulla Salerno-Reggio Calabria dove il Milan procede a passo d'uomo e non va oltre il pari: Trotta illude con la rete del vantaggio, Paletta infrange i sogni di gloria. Due “strani” +3 per l'attaccante e il difensore che fissano il punteggio finale sull'1-1. Kucka si fa espellere e salterà la Roma nel prossimo turno di campionato. Donnarumma è super come al solito. Falcinelli non solo incide poco, ma si fa anche ammonire e non partirà alla volta di Pescara per l'ennesima sfida salvezza: bene, ma non benissimo. Il tridente avanti rossonero è anonimo.


Diteglielo a quelli della Fiorentina che essere in Sicilia non significa necessariamente essere in vacanza, perché i viola affondano per 2-0: Diamanti si mette a fare il pittore e pennella il vantaggio rosanero; Aleesami chiude l'incontro verso il finale. Primo +3 in stagione per Alino. Negli ospiti, da segnalare il -2 di Tatarusanu e l'espulsione di Davide Astori che finisce anzitempo la gara. Babacar è invisibile, Chiesa pure. Bene tutto il Palermo.


L'Empoli fa un passo falso e perde in casa contro il Sassuolo che si impone per 1-3. I +3 per gli emiliani arrivano da Peluso, Matri e Duncan; quello per i toscani è firmato da Pucciarelli che mette dentro dagli undici metri. Berardi non va a segno, ma regala un'altruista +1 al compagno Alessandro che non fa rimpiangere l'assente Defrel. I padroni di casa assistono  al -3 di Skorupski che non si vedeva da tempo. Acerbi è come al solito la certezza, El Kaddouri è sfasato.


Lo sbadiglio è di casa a Cagliari: i sardi vincono di misura sugli undici di Zeman grazie alla rete su rigore del solito Joao Pedro. Nel Pescara bocciati Benali e Caprari; Borriello, almeno questa giornata, rimandato. Poco altro da segnalare.


Si chiude con Inter-Napoli il turno numero 34 di campionato: a San Siro il Napoli passa per 0-1 e accorcia sulla Roma seconda. A decidere l'incontro è Callejon o Nagatomo, decidete voi: il giapponese fa una cosa inspiegabile in mezzo alla propria area e mette sui piedi dello spagnolo una palla che va solo spinta alle spalle di Handanovic. Il numero 1 sloveno fa come al solito gli straordinari che serviranno a limitare i danni della difesa. Miranda va KO prima del fischio d'inizio e regala una maglia da titolare a Murillo che si fa anche ammonire: già diffidato, salterà la trasferta a Genova col Genoa. Icardi non la vede mai, malissimo Candreva e Joao Mario; Insigne fa quello che vuole sulla fascia, poco appariscente Hamsik.


La pillola del Fanta

Belotti e Dzeko segnano solo se uno dei due segna, è un dato di fatto: a secco entrambi da due turni e vetta della clasiffica che rimane stabile contesa tra i due centravanti. Nè Icardi, nè Higuaìn e nè Mertens ne approfittano. Conti ne fa 7 in stagione: terzino destro, da-pa-u-ra! Patrick Schick è un piatto di carbonara all'ora di pranzo, Simeone una peperonata alle 3 di notte.

Fonte foto: www.imagephotoagency.it


Commenta

Rispondi

Probabili formazioni Serie A

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Ti amo fantacalcio!