Seguici su

Serie A

Tifoso difende Totti e manda una lettera a Spalletti: "Hai perso una grande occasione"

Spalletti Totti San Siro

Lettera aperta di un amante del calcio a Luciano Spalletti, deluso dal mancato ingresso in campo ieri sera in Milan-Roma di Francesco Totti

La Roma vince, e molto bene, tenendo ancora vive le poche speranze scudetto. A tenere banco, tuttavia, nell’ambiente giallorosso c’è sempre una questione legata a Francesco Totti. Messe momentaneamente da parte le vicende legate al suo addio al calcio a fine stagione, fa discutere e non poco il suo mancato ingresso in campo ieri sera, alla sua ultima presenza a San Siro.
Sul 3-1, infatti, il tecnico Spalletti esaurisce le sostituzioni facendo entrare Bruno Peres al posto di Dzeko, protagonista con una doppietta. Totti sorride amaro, il pubblico fischia l’allenatore toscano e l’indomani un tifoso, non romanista, ma amante del calcio scrive una lettera a Spalletti:
“Caro Luciano,
ti do del “tu”, anche se non ci conosciamo. Mi hanno insegnato che si fa così, tra uomini.
Ti scrivo perché sai, ci sono rimasto male. Anzi, a dirla tutta mi hai fatto davvero arrabbiare.
Ho 37 anni e quando ero bambino sognavo di fare il calciatore. Come Baggio, come Batistuta, come Del Piero, come Totti.
Non sono romano, non sono romanista, ma amo il calcio, e resto un romantico, se non lo fossi stato avrei seguito gli scacchi anziché il calcio.
Nella vita ho imparato che è importante avere empatia, ti semplifica la quotidianità, ti fa vivere meglio. E ti fa amare. Baggio, Batistuta e Del Piero hanno smesso, Totti non ancora. Lo farà tra qualche giorno, e io mi sentirò un po’ più vecchio.
Ieri sera ero a San Siro solo per dargli l’ultimo saluto, per poter dire a mio figlio: “Sai, quello è Totti, quando avevo la tua età lo vedevo giocare, oggi lo vedi anche tu”. Stavate vincendo 1-3, mancavano 5 o 6 minuti alla fine, eravamo già tutti pronti per dedicargli un applauso. Sai, non sarebbe stato un applauso fine a se stesso, sarebbe stato il modo di tre generazioni di dire grazie. Grazie per quello che ci hai dato, grazie per averci trasmesso emozioni in tutti questi anni.
Capisco tutto, tu devi gestire un gruppo, la Roma non è Totti, bla bla bla. Quello che non capisco, per un allenatore di una squadra importante come quella giallorossa, è la totale mancanza di empatia. Non solo con Francesco, ma con la gente. Quella comune come me, quella che voleva salutare Francesco.
Hai perso una grande occasione, e l’hai fatta perdere a me, a mio figlio, a mio padre e a Francesco”.


Fonte foto: www.imagephotoagency.it


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Probabili formazioni Serie A
Annuncio pubblicitario

Rubriche

Classifica Serie A

Di più in Serie A

Calciodangolo.com fornisce pronostici sulle principali competizioni calcistiche, confronta quote e offerte dei Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità.   Loghi AAMS   © Calciodangolo.com - Testata reg. Trib. Locri (RC) n.1175/2016 del 18/07/2016 - P.IVA 03039540806 - Tutti i diritti riservati