Seguici su

Serie A

Fiorentina, Pioli riparte da San Siro: "L'Inter è già forte così"

pioli-fiorentina

Subito Inter-Fiorentina alla prima di campionato per Stefano Pioli. Considerazioni anche su Bonucci e sul prezzo di Neymar

Sta vedendo la sua squadra disfarsi pezzo dopo pezzo. Ma non sembra preoccupato Stefano Pioli, dalle cessioni eccellenti a cui la sua Fiorentina sta andando incontro. Ripartirà con quello che ha e con quello che la società vorrà comprargli per confezionare magari un’altra sorpresa. La sua dote migliore è sempre stata far sembrare speciali squadre che speciali non sono affatto. “Abbiamo una squadra da completare questo è certo – ha dichiarato nell’intervista alla Gazzetta dello Sport – sono convinto che la società farà gli acquisti giusti in breve tempo“.
Il destino ha voluto che la prima di campionato fosse contro la sua ex squadra, l’Inter ora di Spalletti. “Non penso che l’Inter sia in ritardo con il mercato. Loro hanno una squadra già forte così. Hanno scelto un tecnico molto preparato. Vecino tanto per citare un nome è un gran colpo, per me non vale meno di Matuidi. Il 20 agosto (data dell’inizo del campionato, ndr) mi piacerebbe dimostrare che la Fiorentina può recitare un ruolo importante in questo campionato”. Su Perisic, Icardi e cosa non è andato a Milano: “Mauro è un top player: grande professionista e grande goleador. Perisic ogni tanto si perde durante la partita, deve lavorare su questo per arrivare ad essere un campione. Io non ho rimpianti per come è andata con l’Inter. Sono stato messo nelle condizioni giuste per lavorare bene. Siamo passati da una fase completamente positiva, quella iniziale, ad una finale completamente negativa. Penso che i tifosi mi accoglieranno con affetto“.
L’acquisto di Bonucci  da parte del Milan è stata sicuramente la sorpresa dell’estate: “Il Milan ha fatto un gran colpo. Non mi aspettavo andasse via dalla Juventus. Il fatto che sia stato nominato subito capitano non mi sorprende. Montella gli ha riconosciuto le qualità da leader. Non ho mai scelto i miei capitani in base alle presenze in quella squadra. La Juventus parte sempre favorita, ma se il Milan trova la quadra giusta potrà dire la sua. Per quanto ne so i bianconeri avrebbero volentieri preso Tolisso, ma anche Matuidi va bene. Hanno una batteria di attaccanti impressionante e seguono anche Keita. Il calcio europeo va in questa direzione, devi avere tanti attaccanti di livello che possono spostare gli equilibri da un momento all’altro. Lo scorso anno hanno dimostrato con il lavoro di Mandzukic che tutti i campioni devono essere sempre a disposizione della squadra“.
Neymar vale 222 milioni di euro? “Giusto pagar tanto per dei fenomeni è così in tutti gli sport soprattutto in America. È sbagliato strapagare giocatori normali”.
Sulla sua Fiorentina: “I nostri obiettivi sono far felici i tifosi e ricreare entusiasmo. Veniamo da un ciclo importante e vogliamo svilupparne un altro. Chiesa? È un piacere lavorare con lui. Sa di aver fatto una stagione importante ma ha le qualità morali e l’umiltà per lavorare e migliorare sempre di più”.

fonte foto: twitter.com/acffiorentina

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A