Seguici su

News

Zoff: "Donnarumma? Lo vedrei bene alla Juve, ma più avanti. Quel ragazzino non è più sereno"

dino zoff

Dino Zoff, ex portiere della Juventus, ha parlato del caso Gigio Donnarumma-Milan

L’ex portiere della Juventus Dino Zoff, tramite il Corriere della Sera, è tornato sul caso Donnarumma-Milan. A detta di Zoff, si vede che Gigio non è più sereno: “Quel ragazzino non è più sereno, si vede lontano un chilometro. Credo si sia ficcato in un guaio più grande di lui, guardate cosa ha combinato all’Europeo. Ma purtroppo me l’aspettavo: dopo un polverone del genere sarei stato agitato io a quarant’anni, figuratevi lui che ne ha… quanti ne ha? 18. A quell’età dovrebbe pensare solo a giocare, a crescere, a parare. Ho visto che l’ha detto anche Allegri l’altro giorno, ha ragione Max, i ragazzi devono stare in campo il più possibile per imparare dai propri errori. Perché, come tutti, ne fa anche lui. E ne farà ancora, soprattutto se non risolve questa storia alla svelta.”
Adesso il suo pensiero non devono essere i soldi, per quelli ci sarà tempo in futuro: “Juventus? Ha ragione Gigi, certo che lo vedrei bene. Come in qualunque grande squadra. Ma più avanti, non ora. Lui deve capire che ha tutta la vita per andare a giocare al Real Madrid, al Barcellona, alla Juve o dove vuole lui. Ha i mezzi, il carattere, soprattutto ha l’età. È proprio questo il nodo di tutto, lui deve capire che il fatto di avere diciotto anni è la sua vera fortuna, la sua dote più importante. Perché avere quell’età gli permette di non dover aver fretta di niente. A venticinque o trenta anni a volte sei costretto a scelte forzate, diciamo interessate, perché devi calcolare i tempi di carriera. Ma lui è un ragazzino, non deve pensare ai soldi. Donnarumma deve avere pazienza, se ce l’avrà andrà tutto bene.”
Questa mancanza di serenità si è vista durante l’Europeo: “Ne ha prese proprio poche. È bravo, molto, ho detto più volte che ha davanti un futuro radioso, ma tutto dipende da lui. All’Europeo non stava bene, aveva la testa altrove, non credo serva aver fatto il portiere per capire che non aveva la reattività solita. Ma era normale andasse così. Due consigli uguali, crescita umana, sportiva e professionale devono andare di pari passo. Deve restare al Milan. Rimanere dove è cresciuto è la soluzione giusta, è l’unica cosa che può fare per rimettersi in carreggiata, per riprendere il percorso di maturazione. Tutti noi abbiamo il nostro futuro nelle mani, lui ancora di più.”
Infine, Zoff ha voluto dare una sua valutazione sul caso: “Nel calcio sei quello che dimostri giorno per giorno, non gli autografi che firmi o lo stipendio che guadagni, o la valutazione che danno di te i procuratori. Milan? Probabilmente poteva muoversi diversamente, magari muovendosi prima, ma col cambio di proprietà in atto immagino fosse tutto abbastanza bloccato. Però forse adesso si è presa la strada giusta, vediamo. Spero nel ruolo della famiglia.”

Pillola di Fanta

Dopo la grande stagione con i rossoneri, Gianluigi Donnarumma si trova adesso ad affrontare una situazione delicata dopo un brutto europeo. In caso di rinnovo con il Milan, potrebbe perdere qualche posto da titolare nelle fantasquadre, la situazione che si è venuta a creare potrebbe infatti condizionarlo, almeno nelle prime gare. SOTTOTONO

Fonte foto:www.imagephotoagency.it

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in News