Perché si perché no

Perché sì e perché no – Rivoluzione VAR: pregi e difetti della "moviola in campo"

Perché sì e perché no – Rivoluzione VAR: pregi e difetti della "moviola in campo"

L'argomento di oggi della rubrica “Perché sì e perché no” è il regolamento. Polemiche sul VAR e sul suo utilizzo: perché sì e perché no?

La grande novità regolamentare di quest'anno è l'introduzione del Video Assistant Referee (da qui, VAR). L'innovativo strumento dovrebbe consentire agli arbitri di ridurre drasticamente il numero degli errori, avendo la possibilità di vedere nuovamente le immagini dell'azione nella quale si è verificato qualcosa di dubbio. L'intento del “legislatore” è quello di ridurre il numero di errori arbitrali ma il rischio maggiore è quello di spezzettare la partita e spezzare la tensione agonistica tra le due squadre. A questo punto il mondo del calcio si divide in due: chi trova il VAR una grande innovazione e chi trova che sia solo un'inutile perdita di tempo. Vediamo perché sì e perché no.


RIMANI AGGIORNATO SULLA SERIE A PER NON PERDERE NEMMENO UNA NOTIZIA


PERCHÉ SÌ: Nelle prime due giornate il VAR è stato utilizzato per ben 13 volte in 8 gare, portando a valutazioni più o meno corrette. Il lato maggiormente positivo della “moviola in campo” riguarda il modo in cui vengono accolte le decisioni assunte dopo che l'arbitro ha consultato lo schermo: le proteste sono quasi del tutto annullate. I giocatori accettano le decisioni, così come i tifosi e gli allenatori, consci del fatto che un arbitro di Serie A sia assolutamente in grado di valutare correttamente un episodio dopo diversi replay. Gli stessi arbitri lo reputano uno strumento di grandissima utilità, in grado di risolvere situazioni complicate con il minimo sforzo. Il VAR ha trovato la sua applicazione già nelle prime due partite della prima giornata di Serie A: in Juventus-Cagliari ha permesso a Maresca di fischiare un rigore agli ospiti e in Hellas Verona-Napoli ha aiutato l'arbitro a convalidare una rete per gli ospiti. In 13 casi in 8 gare il VAR ha permesso di assegnare 6 rigori, negarne 3, convalidare 2 reti e annullarne 2: tutte valutazioni corrette. Ecco perché sì.


SCARICA GRATUITAMENTE LA NOSTRA GUIDA ALL'ASTA DEL FANTACALCIO


PERCHÉ NO: Utile, ok. Corretto, ok. Ma quanto tempo ci si impiega? Ogni intervento con il VAR ha portato via almeno 2-3 minuti, arrivando ad avere anche 7 minuti di recupero: come successo il SPAL-Udinese, dove il maxi recupero ha permesso ai padroni di casa di raggiungere la rete del 3-2. I lunghi tempi richiesti dall'impiego del VAR rischiano di nuocere allo spettacolo in quanto il match potrebbe essere spezzettato in continuazione per permettere agli arbitri di consultare le immagini. In questo modo la tensione agonistica potrebbe essere spezzata anche nei momenti più importanti: una squadra costretta a difendere un vantaggio di misura potrebbe fare pressione sull'arbitro per utilizzare il VAR negli ultimi minuti di gara con il solo scopo di interrompere l'offensiva avversaria e raffreddare l'azione. Inoltre il Video Assistant Referee non fa parlare di sè solamente quando viene utilizzato, ma anche quando non viene chiamato in causa: è successo in Roma-Inter, dove l'arbitro si è rifiutato di consultare il VAR, che in realtà avrebbe consentito di assegnare un prezioso rigore ai padroni di casa. La sostanza è: il VAR può certamente essere utile, ma deve essere utilizzato con criterio, con maggiore rapidità e con maggiore efficienza
E voi? Da che parte state? 
[poll id=”3″]

COME GIOCHEREBBE OGGI LA SERIE A

Fonte foto: fifa.com


Redazione

Commenta

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A
# Squadra G V P S +/- Punti
1 Inter Milan

Inter Milan

38 29 7 2 67 94
2 AC Milan

AC Milan

38 22 9 7 27 75
3 Juventus

Juventus

38 19 14 5 23 71
4 Atalanta

Atalanta

38 21 6 11 30 69
5 Bologna

Bologna

38 18 14 6 22 68
6 Roma

Roma

38 18 9 11 19 63
7 Lazio

Lazio

38 18 7 13 10 61
8 Fiorentina

Fiorentina

38 17 9 12 15 60
9 Torino

Torino

38 13 14 11 0 53
10 Napoli

Napoli

38 13 14 11 7 53
11 Genoa

Genoa

38 12 13 13 0 49
12 Monza

Monza

38 11 12 15 -12 45
13 Verona

Verona

38 9 11 18 -13 38
14 Lecce

Lecce

38 8 14 16 -22 38
15 Udinese

Udinese

38 6 19 13 -16 37
16 Cagliari

Cagliari

38 8 12 18 -26 36
17 Empoli

Empoli

38 9 9 20 -25 36
18 Frosinone

Frosinone

38 8 11 19 -25 35
19 Sassuolo

Sassuolo

38 7 9 22 -32 30
20 Salernitana

Salernitana

38 2 11 25 -49 17

Rubriche

Di più in Perché si perché no