Seguici su

Serie A

Napoli-Inter, Spalletti senza paura: "Dobbiamo giocarcela, siamo sulla strada giusta"

Luciano-Spalletti-allenatore-Inter

Il tecnico toscano fa il punto sul momento della squadra ed elogia gli azzurri e il loro allenatore, autore a suo parere di un lavoro eccellente. Ecco le dichiarazioni di Luciano Spalletti

Luciano Spalletti parla in conferenza stampa alla vigilia del match del San Paolo tra il Napoli e la sua Inter. Una partita, secondo il tecnico di Certaldo, certamente difficile, visto il valore degli uomini di Sarri, ma che deve essere giocata alla pari e possibilmente vinta. Ecco le dichiarazioni di Spalletti.
Sulla situazione della squadra: “I nostri ragazzi hanno già dato diversi esami, siamo a buon punto e questo è sinonimo di studio. Siamo pronti per questo confronto, che non sarà per nulla facile. Noi non ci possiamo più tirare indietro, dobbiamo tentare di vincere anche giocando in casa loro. Non c’è alternativa, ci vorrà equilibrio ed arte che viene dal lavorare quotidianamente in un certo modo. A questi calciatori qui posso raccontargli poche cose. L’atteggiamento della squadra dopo il 2-2 è di quelli che ti fanno capire cosa hanno nella testa e nel cuore: vogliono imbottire la squadra di interismo. Vediamo la loro determinazione in come affrontano la partita e nel loro modo di essere professionisti. Anche quando la palla va fuori, corrono per anticipare anche il raccattapalle: hanno davvero lo spirito giusto. La prestazione del derby è di quelle che quando si arriva in fondo hanno un peso sulla bilancia. C’è stato un momento in cui abbiamo sofferto, ma poi con ordine ci siamo ripresi”.
Su Moratti parla di Scudetto: “Ha detto lasciateci sognare, lasciateci questa illusione. Lui è il presidente che ha vissuto quei periodi lì. Ci ha fatto piacere vederlo nello spogliatoio a fine partita, vederlo al nostro fianco a spingerci ci dà un valore più importante a quello che è il nostro lavoro”.
Sul Napoli di Sarri: “Sono uno spot per il calcio: sono una squadra forte che si trova dove aveva programmato di essere. Non concedono niente a nessuno, devi sfidarli perché non puoi metterti a fare calcoli. Devi cercare di togliergli il possesso palla sennò è un casino! Sarà difficile reprimerli e limitarli. Hanno la qualità di comandare il gioco e condizionare gli avversari, in alcuni momenti sono davvero perfetti. Non c’è mai stata una partita in cui perdendo, hanno meritato di perdere. Per come giocano, meritano di avere tutti i consensi che ricevono. Sarri se avesse continuato a lavorare in campo sarebbe diventano certamente ministro dell’Economia per quanto è bravo. Il Napoli sono tre anni che lavorano sullo stesso telaio, questo è un valore importantissimo. Per il momento noi siamo stati bravissimi ed eccezionali nel saper cogliere il momento giusto, nella valutazione dei momenti”.
Sulla lotta al vertice in campionato: “Qui tutte le settimane parte un treno. Il Napoli e Sarri mi stanno simpatici, ma per vincere bisogna arrivare prima della Juventus, che è tosto sotto tutti gli aspetti. Contro il hanno giocato con il loro solito marchio di fabbrica, una roba bestiale. Mancano ancora tantissime partite, c’è anche la Roma che è fortissima, lo scorso anno ha fatto un calcio importante. Non dimentichiamoci che c’è la Lazio che è pure dentro. Non ve la mettete dietro le spalle: è dentro per mentalità e gioco acquisito, per l’intelaiatura data da Inzaghi, per la capacità di Peruzzi di dare il contribuito eccezionale che dà ai suoi. E’ uno di quelli che quando ci parli due volte ci diventi subito amico. Sono due o tre anni che fanno risultati importanti. Anche il Milan, io mi fido di Montella. Ci sono 6 squadre da zona Champions e con loro ce la dovremo vedere fino alla fine”.
Su Icardi: “Prima del derby mancava alla squadra, ora deve essere bravo a sopportare questo carico sulle spalle. Non è pressato dalle responsabilità, perchè tutti vanno nella stessa direzione indipendentemente dai gol realizzati. Siamo in tanti che lavoriamo per l’Inter, non solo i giocatori”.
Sulla società: “Abbiamo un dietro le quinte completo di tutto, lavoriamo tutti insieme. Siamo una società forte, ho dei collaboratori che hanno allenato in Serie A. Possiamo giocare alla pari con il Napoli, proveremo a fare un balzo per accorciare quelle differenze che ora ancora ci sono”.


RESTA AGGIORNATO SULLE LISTE DEI CONVOCATI DELLE 20 SQUADRE DI SERIE A


RESTA AGGIORNATO SULLE FORMAZIONI UFFICIALI DELLE 20 SQUADRE DI SERIE A


 


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Serie A