//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
Seguici su

Coppa Italia

Cagliari-Pordenone, Diego Lopez: "Spazio al turnover. Con l’Inter grande prestazione"

Diego-Lopez-allenatore-Cagliari

Il tecnico dei sardi ha presentato la sfida di Coppa Italia contro i friulani, nella quale darà ampio spazio alle seconde linee

Dopo l’amara sconfitta di sabato contro Spalletti e i suoi, il Cagliari di Diego Lopez si tuffa sulla Coppa Italia. La partita, apparentemente senza storia, rappresenta un’occasione importante per vedere al’opera chi ha giocato meno. Nonostante l’evidente gap tecnico fra le due squadre, l’allenatore dei rossoblu non si fida e in conferenza stampa avverte i suoi: “Conosco molto bene il Pordenone e il suo tecnico, Leonardo Colucci. E’ stato mio compagno a Cagliari qualche anno fa e allenatore della Primavera del Bologna quando allenavo la Prima Squadra. E’ una squadra pericolosa soprattutto in attacco, dove ha qualità. Abbiamo il massimo rispetto perché si sono guadagnati sul campo la possibilità di giocare questa partita”.
Il rispetto per gli avversari, soprattutto in questi casi, appare sacro ma Diego Lopez approfitterà di questo impegno per dare spazio a chi ha giocato meno finora: “Ho un ventaglio di alternative molto ampio. Sono tanti i giocatori forti in rosa e tutti mi stanno mettendo in difficoltà. Anche chi ha giocato meno si sta allenando al meglio, alzando il livello di competitività. Tutti meritano una chance, soprattutto chi gioca meno. Il loro è un atteggiamento positivo che mi rende continuamente complicato prendere decisioni”.
Il tecnico rossoblu torna anche sulla sconfitta contro l’Inter, nella quale i suoi ragazzi hanno dimostrato di essere in ottima condizione fisica e mentale: “Sapevo che contro l’Inter non avremmo sfigurato. Avevo ottime sensazioni e i miei ragazzi hanno interpretato bene la gara. Abbiamo ancora dei difetti da limare, perché certi errori oscurano il potenziale enorme che questa squadra ha dimostrato di avere”.

Pillola di Fanta

Dall’addio di Rastelli, il Cagliari ha nettamente cambiato marcia soprattutto a livello di prestazioni. La squadra sembra molto più pimpante e concentrata nell’arco dei novanta minuti. Lo dimostrano le tre vittorie in sei partite col tecnico uruguaiano in panchina. Quella col Benevento, in extremis, sottolinea proprio questo aspetto. La sconfitta contro l’Inter ha testimoniato l’imponente crescita anche sul piano del gioco e, con queste premesse, i rossoblu non dovrebbero avere problemi ad ottenere una salvezza tranquilla, magari togliendosi qualche piccola soddisfazione. RINASCITA

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Coppa Italia