Seguici su

News

Chievo-Spal, Maran: "Non guardiamo la classifica. La Spal è squadra tosta"

Maran Juventus Chievo

Il tecnico dei clivensi ha presentato il match del Bentegodi contro la squadra di Leonardo Semplici

I due pareggi contro Napoli e Torino sono serviti ad alimentare la fiducia del gruppo, ma adesso c’è bisogno di sferzare la classifica con una vittoria. L’avversario di turno è al limite della zona rossa e scenderà in campo, al Bentegodi, col coltello tra i denti. Per questo, e per mille altri ovvi motivi, Rolando Maran predica concentrazione e serenità ai suoi, durante la conferenza stampa di rito: “La Spal è una squadra difficilissima da affrontare, come dimostrato dal pareggio contro la Fiorentina nell’ultimo turno. Sono molto organizzati grazie al meticoloso lavoro dell’allenatore. Non verranno a fare da comparse”.
In partite simili, l’approccio iniziale può fare la differenza. Trovare un gol nei primi minuti equivale a scavare un solco incolmabile tra le due compagini soprattutto in queste sfide delicate. Maran lo sa e per questo ci tiene a redarguire i suoi: “Servirà il massimo rispetto nei confronti di un avversario comunque ostico. Sarà importante partire col piede giusto ed è quello che cercheremo di fare domani. Dovremo affrontare tutte le partite con la stessa consapevolezza, senza guardare la classifica e fare calcoli di alcun genere“.
In ottica salvezza, secondo Maran, è indispensabile poter fare affidamento su tutti gli elementi presenti in organico: “Ogni calciatore della rosa ha le sue caratteristiche e le sue peculiarità, ma è fondamentale riuscire a interpretare le qualità specifiche per metterle al servizio del collettivo. Sfruttare i singoli, per il bene del gruppo, è il primo passo per raggiungere obiettivi importanti”.


? Pillola di Fanta

L’importanza del gruppo, nel gioco del calcio, è praticamente arcinota. Tuttavia, anche nelle squadre più granitiche e “razionali” c’è bisogno della giusta dose di talento per spezzare gli equilibri. Sotto questo aspetto, i clivensi non possono fare a meno dell’estro di Valter Birsa, apparso leggermente in calo nelle ultime uscite. L’ultimo gol dello sloveno risale al 25 ottobre, quando siglò la rete della bandiera nella sconfitta interna contro il Milan. Si attendono i suoi assist e le sue invenzioni, indispensabili per fare la differenza negli ultimi 20 metri. APPANNATO

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in News