Seguici su

Serie A

Napoli, senti Hamsik: "Ho lasciato posto per il tatuaggio dello scudetto"

Marek-Hamsik-Chievo-Napoli

Il centrocampista slovacco, famoso anche per i suoi numerosissimi tatuaggi, ha detto che c’è ancora spazio per un marchio importante

A Napoli non esistono più scongiuri, parole tabù o riti scaramantici, perché quest’anno più che mai lo scudetto si può sognare, pronunciare e inseguire. In questo campionato la squadra di Sarri è la favorita numero 1 alla vittoria finale, e anche i suoi tifosi lo sanno e per questo hanno abbandonato la scaramanzia e i nascondigli per passare alla visione realistica dei fatti. E lo stesso vale per i giocatori, a cominciare da Marek Hamsik, capitano e partenopeo di adozione: “Lo scudetto per me è un sogno, un chiodo fisso e un obiettivo – ha detto ai microfoni di Radio Kiss Kiss – Vincere il titolo in questa città sarebbe meraviglioso, non riesco a immaginare la festa che ci sarebbe. La città se lo merita, lo spero soprattutto per i tifosi. Però c’è tempo, non dobbiamo montarci la testa ma continuare così”.
Dunque nessun pensiero verso il record di gol di Maradona (“è un incubo più per i tifosi che per me” afferma), ma la concentrazione va sull’obiettivo di squadra. E in caso di scudetto, allora Hamsik sarebbe pronto a rendere indelebile il ricordo della vittoria: “Ho perso il conto dei tatuaggi, ma sto conservando lo spazio per un tatuaggio importante, ci crediamo”. Ma la vittoria del campionato passa da ulteriori 25 ostacoli, a cominciare dall’Udinese che non rievoca bei pensieri ai napoletani: “Il Friuli è un campo ostile, due anni fa abbiamo fatto fatica e abbiamo perso 3-1 con l’espulsione di Higuain. Ora hanno cambiato allenatore, sarà molto difficile”.
Ma la testa è già al 2 dicembre, quando si giocherà la sfida contro la Juventus:Non credo sia già un match point. Arriva alla quindicesima giornata, manca tanto alla fine. Però per loro sarà dura, giochiamo davanti ai nostri tifosi”. Subito dopo la Juventus ci sarà la sfida con il Feyenoord che dirà se il Napoli potrà continuare il suo cammino in Champions League. Ma è tutto nelle mani del Manchester City: “Dobbiamo sperare che la squadra di Guardiola batta lo Shakhtar nell’ultima giornata. Ce la possono fare. Se passiamo chi voglio prendere? Mi piacerebbe incontrare il Cska Mosca, il Real Madrid stavolta più avanti possibile”.


?Pillola di Fanta

Marek Hamsik ad un passo da Diego Armando Maradona, ma come il paradosso di Zenone sembra non riuscire a raggiungerlo mai. Ormai manca soltanto un gol per l’aggancio a quello che è e resterà sempre il Dio del Pallone per i napoletani. Scavalcarlo sarà semplicemente un grandissimo onore e motivo di orgoglio per Marekiario, che però deve ritornare a segnare con più. GOL CERCASI

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A