Seguici su

Serie A

Chievo-Roma, Di Francesco: "Gialloblu squadra ostica. Schick? È pronto"

Il tecnico giallorosso ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Chievo-Roma: “Loro sono una squadra ostica. Domani decido chi gioca”

Banco di prova importante per la Roma di Eusebio Di Francesco, chiamata a sfidare il Chievo Verona sul difficile terreno del Marcantonio Bentegodi. I padroni di casa sono una formazione compatta e ordinata, capace di togliersi diverse soddisfazioni in questo campionato, contando anche su un grande Roberto Inglese, spesso imboccato da Valter Birsa. Al contrario, la truppa di Di Francesco vuole continuare la rincorsa alla testa della classifica e questi 3 punti sono di fondamentale importanza. Dopo Rolando Maran, anche il tecnico giallorosso ha parlato in conferenza stampa, ecco le sue parole:
Sulla partita contro il Chievo:Il Chievo è una squadra ostica, mi aspetto una gara difficile. Si tratta di una trasferta difficile e dovremo tornare con tre punti, il Napoli ne sa qualcosa sulla difficoltà di questa gara. Noi dobbiamo dare una risposta importante, è una tappa importante ma non definitiva. Dopo la Champions, serve un’ottima gara col Chievo per confermare quanto fatto finora. Formazione? E’ riservata, dopo la qualificazione in Champions bisogna tenere tutti concentrati. Terrò la formazione riservata fino a domani mattina, tutti devono sentirsi importanti“.
Sulle capacità di questa Roma:Per poter diventare più forti, bisogna partire dalle infrastrutture e quindi dallo stadio. A che punto siamo noi, dobbiamo ancora dimostrare tanto. Siamo in crescita, risultati importanti sono stati fatti ma non basta, dobbiamo aspettare per un giudizio definitivo ma siamo sulla strada giusta. Prima un giornalista voleva sapere la formazione, ma la nostra crescita passa dal fatto che i nostri giocatori devono sentirsi importanti, mantenere coerenza in quello che si fa”.
Sui metodi del ds Monchi:Ho conosciuto tanti direttori bravi, ma ho sempre allenato squadre medie o piccole. Monchi ha mentalità e conoscenza di calciatori a livello internazionale che è impressionante, noi due ragioniamo sulle qualità dei calciatori. Sceglieremo sempre calciatori che piacciono al direttore e che piacciono all’allenatore. E’ una situazione chiara dall’inizio, mi piace il suo modo di fare, vuole sempre tastare e sentire le nostre impressioni“.
Su alcuni elementi della rosa:Non c’è il pensiero di fare una turnazione, perché abbiamo giocato martedì e in cinque giorni si può recuperare. Devo valutare Perotti e Florenzi, che non si sono allenati con continuità come gli altri. Schick non dico se gioca, ma dico che è pronto per giocare dall’inizio. E’ già una notizia, sto valutando la possibilità di farlo giocare dall’inizio. Non so in quale ruolo, ma può giocare dall’inizio“.
Sul scelte a centrocampo:Nainggolan e Strootman stanno molto bene, Pellegrini sta benissimo. Deciderò domani chi schierare. La formazione non la dirò mai oggi, voglio che tutti i calciatori stiano sul pezzo“.
Su Bruno Peres:Domani con molta probabilità giocherà dall’inizio, quindi torna visibile ai radar. Sono scelte, poi una partita era indisponibile perché squalificato. Ecco, un titolare l’ho dato sicuro e, se siete attenti, anche un altro paio“.


?Pillola di Fanta

Nelle ultime settimane ha faticato a trovare la via del gol – ritrovata in occasione del match contro la Spal di venerdì scorso – Ma l’impegno profuso e le doti non sono in discussione. Edin Dzeko è ancora l’attaccante titolare della formazione di Di Francesco ed è difficile che qualcuno lo tolga da lì: presto tornerà a segnare, per la goduria di migliaia di fantallenatori. CARRO ARMATO

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A