Seguici su

Serie A

Verso Inter-Roma, Chivu: "Sfida affascinante. Con Nainggolan avrei fatto lo stesso"

chivu-cafu

Il doppio ex ha commentato la situazione di entrambe squadre, presentando il big match dal suo personale punto di vista

Cristian Chivu conosce Roma e Milano come le sue tasche. Quattro stagioni con la maglia giallorossa, poi l’approdo in nerazzurro con Mancini e il triplete con Mourinho, che ha scolpito il suo nome tra i grandi della storia. Per uno come lui, gli anni passano, ma Inter-Roma non è mai una sfida come le altre: “Sono due grandissime squadre, che lotteranno fino alla fine con la Lazio per un posto in Champions League. Mi aspetto una gara intensa ed esaltante. Nerazzurri e giallorossi in crisi? Non esageriamo, sono cali fisiologici prevedibili nell’arco di una stagione. Credo che la sosta possa far bene ad entrambe“.
Il lavoro di Spalletti ha contribuito a plasmare una squadra nuova, consapevole dei propri mezzi dopo le ultime stagioni fallimentari: “Spalletti è un tecnico in gamba. È migliorato molto nel rapporto coi calciatori, ai quali riesce a trasmettere le proprie idee con chiarezza. Credo che l’esperienza all’estero lo abbia aiutato parecchio. Questa Inter è una squadra compatta e solida. Ha le idee chiare su cosa bisogna fare nelle varie fasi di gioco. Certo, vanno migliorati alcuni aspetti, ma credo che la strada sia quella giusta“.
La Roma, invece, può contare su una rosa importante e su un tecnico di grande carisma e personalità: “Devo ammettere che i giallorossi mi hanno stupito. La cessione di Salah avrebbe destabilizzato chiunque, ma l’arrivo di Di Francesco ha ridato sicurezza a tutto l’ambiente. È un’allenatore di qualità e lo ha dimostrato già col Sassuolo. Sa gestire le pressioni e lavorare con lucidità. Non è un caso che la Roma sia finita davanti ad Atletico e Chelsea nel girone di Champions“.
I duelli individuali saranno la chiave per venire a capo del match e Cristian Chivu non ha dubbi su chi potrà fare la differenza: “Dzeko e Icardi hanno il gol nel sangue. Sono due giocatori spietati sotto porta. I loro numeri sono eloquenti. Handanovic o Alisson? Entrambi sono due ottimi portieri. Samir ha dimostrato negli anni di portare diversi punti con le sue parate, mentre Alisson era arrivato tra lo scetticismo generale, ma il suo valore sta venendo fuori alla grande“.
Chiosa finale sulla vicenda Nainggolan e sul nuovo ruolo di Totti da dirigente: “È una grande persona e ha tanto da trasmettere a tutto l’ambiente. Deve imparare qualcosa dal punto di vista professionale, ma non dubbi che diventerà un grande dirigente, visto che l’allenatore proprio non lo vuole fare. Caso Nainggolan? Ogni spogliatoio ha le sue dinamiche interne, ma credo che Di Francesco abbia agito con lucidità. Anch’io sto dalla sua parte“.

? Pillola di Fanta

Cristian Chivu è stato l’ultimo baluardo della fascia sinistra dell’Inter. Dopo il suo addio, si sono avvicendati tantissimi profili più o meno giovani, ma nessuno è riuscito a garantire l’affidabilità dell’ex giallorosso. La sua eredità sarebbe dovuto ricadere sulle spalle di Davide Santon, ma tra infortuni e trasferimenti vari, l’ex “bimbo prodigio” è ancora alla ricerca della definitiva consacrazione. TERZINO CERCASI

Fonte foto: twitter.com/chivu_official 

 

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A