Seguici su

Calcio estero

Spartak Mosca, prima il tweet razzista poi le scuse: "Siamo come una grande famiglia"

Le polemiche che hanno travolto lo Spartak Mosca per un tweet razzista sui suoi stessi giocatori si sono risolte con un video di scuse del club stesso

Grande indignazione ieri per un tweet apparso sul profilo ufficiale Twitter dello Spartak Mosca. Il club russo avrebbe scritto una frase che voleva essere evidentemente simpatica, ma che nel giro di breve tempo ha trovato non poche disapprovazioni.
La frase recitava: “Guardate come i cioccolatini si sciolgono al sole“. Queste parole erano seguite da un video che ritraeva alcuni giocatori di colore come Pedro Rocha, l’ex Samp Fernando e l’ex Milan Luiz Adriano allenarsi sotto il sole di Dubai.

Dopo l’indignazione, pronte le scuse del club allenato da Massimo Carrera; Fernando, in particolare, nel video spiega come nello Spartak Mosca non ci sia razzismo e che tutti vivono come in una grande famiglia.

? Pillola di Fanta

Fernando e Luis Adriano, come detto, sono due vecchie conoscenze del calcio italiano. Il primo ha giocato un anno nella Sampdoria, segnando ben 4 gol, suo record personale a parte la stagione 2012 al Gremio, quando ne realizzò 7. Anche Luiz Adriano è passato per la Serie A, avendo vestito per un anno e mezzo i colori del Milan: anche lui, come il centrocampista, ha realizzato 4 gol in 33 presenze, un bottino un po’ magro per lui. DI PASSAGGIO

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Calcio estero