Seguici su

Economia nel pallone

Arriva Kickoffers, la piattaforma di trading sul calcio. Si inizia con i bond del Chievo Verona

La seconda puntata di “Economia nel pallone” vi parla della novità di questi giorni, ossia i bond su squadre e calciatori

In quanti sogniamo di diventare milionari grazie ad un’intuizione o ad un investimento di pochi euro? Certo, il problema è che il mercato finanziario ha dinamiche talmente complesse che “svoltare” diventa pressoché impossibile, ed è più facile perdere tutto senza nemmeno accorgersene. Se però, anziché di aziende, azioni e titoli, il mercato si occupasse di prestazioni di giocatori e squadre di calcio, allora sì che potremmo capirci qualcosa e provare a fare il “colpo grosso”. Ed è questo che si propone di fare “Kickoffers” e del quale vi parliamo in questa nuova puntata di “Economia nel pallone”.

Iniziamo dall’abc: cos’è un’obbligazione?

È bene partire dai concetti di base prima di pensare di investire i propri soldi. Un’obbligazione (o titolo obbligazionario o, in inglese, bond) è un contratto in cui due parti si impegnano a scambiarsi importi di denaro in almeno due date distinte (dette ‘data iniziale’ e ‘data di scadenza’). Cioè è un accordo che obbliga l’ente emittente a rimborsare il sottoscrittore. Esistono obbligazioni di ogni tipo e in ogni ambito, da quelle di Stato a quelle delle società, e tutti sostanzialmente possono emetterne una. Ad esempio, l’Inter lo scorso dicembre ha annunciato l’emissione di una serie di bond dal valore totale di 300 milioni e con un tasso d’interesse del 4,75%. Cosa rappresenta questo tasso? È una percentuale del valore facciale (solitamente 100€) che viene pagata al sottoscrittore con una cadenza regolare (solitamente semestrale). Il pagamento periodale è detta cedola. Essa può essere fissa e stabilità ad inizio contratto, oppure variabile e dipendente dalle condizioni di mercato. Ed è proprio su questo che gioca Kickoffers.

Come funziona Kickoffers?

Kickoffers è una piattaforma di trading (ossia un sito dove è possibile sottoscrivere contratti) che permette a tutti di acquistare delle obbligazioni (chiamati dal sito “Kickbond”) emesse dalle società di calcio e a tasso d’interesse variabile con cedole pagate annualmente. Questi bond avranno un rendimento che sarà condizionato dai risultati della squadra su cui avete deciso di puntare. Non solo, i contratti saranno stipulati anche sul singolo calciatore e quindi sarà la prestazione individuale ad influenzare il rendimento della vostra obbligazione. Insomma, vi creerete la vostra Fantarosa (che nel mercato finanziario assume il nome di ‘Portafoglio’) che vi farà guadagnare soldi a seconda delle prestazioni in campo. E se un gol nel fantacalcio vale un bel +3, anche nei ‘Kickbond’ comporta un aumento del tasso. E se non sarete soddisfatti del rendimento (in campo e, di conseguenza, finanziario) di un giocatore, potrete venderlo e contrattare con altri mister come voi.

Il Chievo Verona fa da apripista

Sebbene la posizione in classifica non sia delle più esaltati, il Chievo Verona ha deciso di aderire all’iniziativa di Kickoffers, che per inciso è in partnership con la società Deloitte. I clivensi sono la prima società a quotarsi nella piattaforma e emetteranno un bond dal valore di 3 milioni di euro, che verranno utilizzati per finanziare il settore giovanile. La squadra di Campedelli darà il via alle contrattazioni il 4 aprile, quando sarà ufficialmente aperto il mercato dei Kickbond. Il giocatore associato all’obbligazione dovrebbe essere Valter Birsa, anche se non vi è al momento nessuna ufficialità.

Fantamercato o vero investimento?

Kickoffers, più che un vero e proprio mercato, può essere visto come un gioco rischioso. Le cifre non sono esorbitanti, tutt’altro: si va da un investimento minimo di 100€ ad un massimo di 5.000€. Chiunque voglia iniziare le operazioni di trading sulla piattaforma, può farlo aprendo un conto sul sito ma dovrà aspettare, come detto, il 4 aprile quando verranno emessi i primi Kickbond. Il sito vi proporrà un test di appropriatezza, ossia valuterà le vostre competenze finanziarie. Non disperate, anche se non doveste superare l’esame potrete contrattare “a vostro rischio e pericolo”. È bene leggere ogni informazione sul sito, sul mercato e sul funzionamento della piattaforma prima di avventurarsi negli investimenti. È importante anche sottolineare che la piattaforma è regolamentata dalla “Borsa di Malta”, e quindi soggetta alle leggi del Paese. Se non siete esperti in materia, Kickoffers vi propone un “glossario” di termini da imparare e alcune FAQ che possono chiarirvi le idee.

Voglio una strategia per fare i “big money”

Se avevate pensato di poter diventare ricchi e straricchi grazie ai Kickbond, dobbiamo deludervi. Come sottolineato sopra, è un mercato molto piccolo e soprattutto soggetto a variazioni quasi aleatorie come un gol o un ammonizione, una vittoria o una sconfitta. Da questo punto di vista, Kickoffers è molto più simile al funzionamento del Fantacalcio piuttosto che ad un vero e proprio mercato obbligazionario, così come ci tengono a sottolineare anche i creatori del sito. E dunque va valutato per quello che è, ossia un’idea apprezzabile per divertirsi con dei costi molto sostenuti. Fate la vostra Fantarosa utilizzando la strategia che più vi piace: comprate le certezze e teneteli fino a scadenza, oppure puntate sulle ‘scommesse’ e cercate di guadagnare il massimo, rivendendoli all’apice della loro stagione o quando pensate stiano per iniziare una fase calante. Insomma, immaginate davvero di star giocando a Fantacalcio e non pensate di poter creare una strategia finanziaria partendo da questi bond.
Inoltre giocate se avete le disponibilità economiche per farlo e ricordandovi che, come dice qualsiasi sito di trading, il vostro capitale è a rischio e che non dovreste investire fondi che non potete permettervi di perdere. Se volete approcciare al mercato finanziario in modo soft e divertente, con una materia non ostica e dalle dinamiche a voi più chiare, Kickoffers può fare al caso vostro.
Leggi anche: Cos’è la Sentenza Bosman? Il verdertto che ha cambiato il mondo del calciomercato

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Economia nel pallone