Seguici su

Champions League

Champions League, sarà ancora Juventus-Real Madrid: tutto sui Blancos

real madrid, campione, champions league, finale, cardiff, juventus

Sorteggio malevolo per la Juventus di Massimiliano Allegri, che nei quarti di finale di Champions League pesca di nuovo il Real Madrid: tutto sui Blancos

Sarà ancora Juventus-Real Madrid. È stato questo il verdetto del sorteggio dei quarti di finale di Champions League, appena tenutosi a Nyon. Quella tra bianconeri e Galacticos è una sfida che si rinnova per l’ennesima volta, dopo l’incrocio in semifinale nel 2015 e quello in finale l’anno scorso, il cui esito è noto a tutti. La gara d’andata tra Juventus e Real si terrà a Torino il 3 aprile, mentre il ritorno si giocherà una settimana più tardi, il 10 aprile. Da CR7 a Zidane, da Modric a Navas: ecco chi è la squadra più titolata d’Europa.

LA SQUADRA

Non è certo una squadra che necessita di presentazioni il Real Madrid, da sempre abituato a vincere e costantemente ai vertici del calcio mondiale dall’inizio della sua storia. Uno stadio che è un tempio del calcio e una rosa stellare che vanta giocatori del calibro di Modric, Benzema, Bale e, soprattutto, Cristiano Ronaldo. Zinedine Zidane varia spesso la disposizione dei suoi uomini in campo, anche grazie alla rosa di assoluto spessore, ma generalmente preferisce schierarsi con un 4-3-3 per sfruttare al meglio le doti di palleggio a centrocampo e le due potenti ali offensive.
Formazione tipo (4-3-3): Navas; Carvajal, Ramos, Varane, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; Bale, Benzema, Ronaldo.

L’ALLENATORE

Volto noto per i tifosi juventini, con la maglia bianconera giocò per ben 5 stagioni, prima di approdare al Real Madrid. Ora il Bernabeu è ancora casa e la Juventus è solo un altro avversario da battere, come già fece a Cardiff nella finale della scorsa edizione. Zinedine Zidane è un allenatore pragmatico e attento ai dettagli ma un punto debole nella sua squadra c’è, e quello è la difesa. Sulla panchina del Real ha già vinto due Champions League ma in questa stagione i Blancos sembrano menu lucidi.

LA STELLA

Non c’è dubbio alcuno: la stella è Cristiano Ronaldo. Il Real Madrid può vantare di avere tra le sue fila uno dei giocatori più forti della storia del calcio, insignito di ben 5 palloni d’oro e trionfatore in Champions League per 4 volte: una con la maglia del Manchester United e tre con quella dei Blancos. Primatista di gol segnati nella massima competizione europea per club, nell’ultima sfida contro la Juventus ne ha segnati due, determinanti per il 4-1 finale. Lo spettro di Cardiff è vivo nei pensieri dei bianconeri, così come il volto di CR7.

LA STAGIONE

Non idilliaca finora la stagione del Real Madrid, terzo in campionato a -15 dal Barcellona ed a -7 dai cugini dell’Atletico Madrid ed eliminato nei quarti di finale di Copa del Rey dal Leganes. La Champions League resta il vero e proprio obiettivo della formazione madrilena e Zidane non vorrà assolutamente concludere la stagione senza conquistare almeno un titolo. In Liga le speranze sono ormai poche ma in Champions ci sono tutti i presupposti per andare fino in fondo: la Juve è avvisata.

I PRECEDENTI

Gli almanacchi calcistici sono pieni zeppi di precedenti tra Juventus e Real Madrid, in virtù del calibro delle due squadre e della loro esperienza europea. Quello del 3 aprile sarà il 20esimo incontro tra le due compagini ed il bilancio pende lievemente dalla parte degli spagnoli: 9 vittorie e due pareggi, contro gli 8 successi bianconeri. Il precedente più vivo nella mente dei tifosi bianconeri è quello di Cardiff, ma non dimentichiamo che tre anni fa una Juventus molto meno attrezzata riuscì ad eliminare i Galacticos in semifinale. Tutto è possibile.

Fonte foto: Twitter.com/UEFAcom_it

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Champions League