Seguici su

Serie A

Juventus-Atalanta, Gasperini carica i suoi: "Abbiamo due risultati su tre. Dybala fenomeno già a Palermo"

Conferenza-Gasperini-Europa-League

L’allenatore nerazzurro promette battaglia per il recupero contro i bianconeri e tesse le lodi di uno dei giocatori più importanti di Allegri

Gian Piero Gasperini presenta in conferenza stampa la sfida della sua Atalanta sul campo della Juventus, rinviata in precedenza a causa della neve abbattutasi sull’Allianz Stadium. Il tecnico orobico ha le idee chiare sulla partita che dovranno fare i suoi giocatori, ancora in corsa per un posto in Europa League. Tuttavia Gasperini è anche consapevole non solo della forza, ma anche del grande entusiasmo dei bianconeri, riusciti a tornare in vetta al campionato. Missione compiuta anche grazie a Dybala, un giocatore Gasp ha già avuto modo di allenare a Palermo. Ecco le sue dichiarazioni.
Sulla sfida contro i bianconeri: “Arriviamo in una buona condizione a una partita importante come questa. La vittoria a Bologna è servita come iniezione di morale e fiducia e ha migliorato la nostra classifica. Quindi siamo motivati, ma sarà una partita davvero difficile sopratutto perché la Juventus ha il morale molto alto dopo essere riuscita tornare in testa alla classifica, ma noi dobbiamo fare risultato. Sarebbe importantissimo e ci avvicinerebbe molto a chi ci sta davanti. Dovremo giocare con attenzione e concentrazione. Le stesse qualità e le stesse contromisure messe in campo nell’ultima partita contro i bianconeri in Coppa Italia. Questa volta però sarà un pochino diverso: avremo meno pressione, con due risultati su tre a disposizione”.
Sulla lotta per l’Europa League: “Ripeto, fare risultato è importantissimo per la nostra classifica. Credo che nella battaglia per l’Europa i giochi non siano ancora fatti: ci sono molte partite, non bisogna fare tabelle ma pensare una partita alla volta. Dobbiamo pensare solo a noi”.
Alla fine, parole al miele per Dybala, suo giocatore a Palermo: “Si sapeva che fosse un talento già in rosanero. A soli 18 anni era un ragazzo straordinario e dalle mille qualità. Ha avuto un’evoluzione importantissima da quando è arrivato alla Juventus“.

Consulta anche:

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A