Seguici su

Serie A

Napoli, Sarri: "Sono in debito con i napoletani. Rinnovo? Solo se ci sono tutte le condizioni"

Maurizio-Sarri-allenatore-Napoli

Dopo la cerimonia di consegna del “Trofeo Maestrelli”, ha parlato il tecnico del Napoli Maurizio Sarri

Dopo la vittoria di ieri sera sul Genoa per 1-0, oggi è arrivata un’altra bella notizia per Maurizio Sarri. Il tecnico del Napoli è stato infatti premiato con il “Trofeo Maestrelli“. Dopo la cerimonia di premiazione, il tecnico dei partenopei si è fermato a parlare con i giornalisti presenti all’evento.
Si parte, ovviamente, dalla lotta scudetto: “Non c’è mai stata aria di rassegnazione dopo il sorpasso della Juventus in classifica. Stiamo facendo bene, ci stiamo abituando e stiamo abituando i nostri tifosi e la stampa a imprese straordinarie. In teoria la Champions non dovrebbe pesare, la Juventus è una squadra abituata alle pressioni ma non tutte le stagioni sono uguali. Sono arrivato a Napoli e ho trovato una squadra che si è messa a disposizione, si farà quello che si può fare, poi se basterà o meno non lo sappiamo“.
Lo scudetto potrebbe anche decidersi nello scontro diretto dell’Allianz Stadium in programma per il 22 aprile: “Non si può dire, bisogna vedere come si arriverà allo scontro diretto. Anche una partita contro una squadra che gioca per la salvezza diventa difficile. Ho detto che andrei a prendere il palazzo, c’è questa squadra che domina da sette anni, sappiamo che è difficile“.
Sul Napoli e sul suo futuro invece: “Il rapporto tra il San Paolo e la squadra in questi tre anni è sempre stato stupendo, con me in maniera particolare. Il pubblico di Napoli non ha eguali, entrare in campo e riceve un attestato cosi è più che emozionante, mi sento in grande debito e l’unico modo che ho è dare il massimo. Quello che riguarda il mio contratto è un falso problema, il contratto c’è e bisognerà capire se ci sono tutte le condizioni per proseguire insieme. Se non sarò in grado di farlo al 100% allora bisognerà fare un passo indietro, altrimenti si potrà proseguire. Io quattro anni fa ero in Serie B, non riesco ad essere preoccupato, sono onorato di essere vicino a una squadra che ha vinto per sette anni“.
In chiusura, due parole anche sulle condizioni della squadra: “Non so come sta Hamsik, doveva raggiungere la Nazionale e penso che dopo una breve visita lo lasceranno partire e rientrerà domani mattina a Napoli, non sembra un infortunio grandissimo ma nemmeno da due giorni. Reina accolto con affetto ieri? A Napoli sanno di chi stanno parlando, Pepe è un portiere di grande livello ma questo conta fino ad un certo punto, è un ragazzo straordinario dal punto di vista umano e i napoletani sanno che darà il 101% anche se è un giocatore in scadenza“.

? Pillola di Fanta

Dall’ultima gara contro il Genoa è arrivata anche una brutta notizia per il Napoli, l’infortunio di Marek Hamsik. In caso di lungo stop sarebbe una grossa perdita per gli azzurri, soprattutto in questa fase finale che può essere decisiva per lo scudetto. ANSIA

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A