Seguici su

Champions League

Tottenham-Juventus, Buffon: "Sarà emozionante. Astori? In campo per lui"

Portiere-Gigi-Buffon-Juventus

Il capitano bianconero accompagna Massimiliano Allegri alla conferenza stampa della vigilia del ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro gli Spurs

La Juventus è giunta al momento della verità. Dopo aver conquistato la finale di Coppa Italia eliminando l’Atalanta ed aver recuperato 3 punti fondamentali al Napoli in campionato, i bianconeri devono ora dare il massimo per rimane in corsa anche in Europa. Domani sera la vecchia Signora scenderà in campo a Wembley contro il Tottenham, per staccare il pass per i quarti di finale di Champions League. All’andata gli inglesi hanno strappato un grande 2-2, ma la Juventus ha tutte le intenzioni di andare a Londra e fare risultato. “Sarà una partita emozionante, giochiamo in uno stadio storicamente incredibile. La qualificazione è in salita, ma forse è meglio così. Sono ottimista: spero non sia l’ultima Champions né per me né per la Juventus – esordisce Gianluigi Buffon ai microfoni di “Sky Sport”, che poi continua – Il Tottenham è una squadra molto offensiva, non è una coincidenza aver preso gol. Ci metteranno sicuramente in difficoltà, normale coi giocatori che hanno. La gara d’andata non è andata come speravamo, ma voglio il riscatto: penso di essere un portiere in grado di poter giocare a questi livelli. Higuain e Dybala? Io le migliori gare le ho sempre preparate con la testa, se si sta troppo bene fisicamente si rischia di sottovalutare l’avversario. Kane? Molte analogie con Batistuta: è uno dei 2-3 attaccanti più forti al mondo“.
Il portiere bianconero si sofferma poi sul suo futuro. “Le riflessioni sono già state prese, e coincidono con quelle del presidente Agnelli. Devo soltanto vedermi con lui per limare i dettagli, ma non credo che questo sia luogo e momento adatto per parlare di questo. Non possiamo soffermarci su un singolo caso: giochiamo una partita fondamentale domani – spiega Buffon, che infine conclude sulla tragedia che ha colpito l’Italia domenica mattina – Dobbiamo ripartire, siamo obbligati in quanto professionisti. Non possiamo lasciarci trascinare da tutte le brutte notizie che caratterizzano la vita. Siamo calciatori e siamo stati fortunati ad aver conosciuto una persona fantastica come Davide. Dobbiamo far si che i migliori valori del calcio vengano sempre rispettati: non lo dimenticheremo mai. Scenderemo in campo per Astori“.
Affianco al capitano della Juventus, in conferenza stampa è seduto anche Massimiliano Allegri.Non so come giocheranno loro, ma sono diversi dal Napoli. Loro avranno più pressione. Noi dobbiamo fare meglio tecnicamente e difensivamente: è come una finale. Servirà cinismo – spiega il tecnico bianconero, che poi svela chi giocherà davanti – Non abbiamo cambi in panchina: anche Mandzukic sarà fuori. Domani saranno in campo dal primo minuto sia Dybala che Higuain: la gara è talmente importante che chi è meno in condizione potrebbe fare la prestazione migliore. Probabilmente giocherà anche Douglas Costa“. Infine, anche Allegri lascia con un commento su Astori: “Sul ragazzo sono state dette tante cose, ma adesso la cosa migliore è il silenzio. Il pensiero va alla sua famiglia, e soprattutto a sua figlia di due anni. Davide mi rimarrà sempre nel cuore: siamo cresciuti calcisticamente insieme a Cagliari“.

Consulta anche:

I CONVOCATI DI MASSIMILIANO ALLEGRI


? Pillola di Fanta

Torna Gonzalo Higuain. Se l’argentino sarà quello dei primi dieci minuti della gara d’andata – in cui ha segnato due gol – allora la Juventus può ben sperare. Allegri butta tutti dentro: il “Pipita” supportato da Dybala e Douglas Costa. Se la Vecchia Signora dovesse uscire anzitempo dalla Champions League – indipendentemente da quel che accadrà in campionato e Coppa Italia – la stagione risulterà una delusione. DECISIVO


Commenti
Annuncio pubblicitario
calciodangolo.com Collabora con noi

Classifica Serie A

Risultati Serie A

Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Champions League