Seguici su

Serie A

Tragedia Astori, parla Cassano: "Toccato da vicino. Ho avuto paura anche io nel 2011"

intervista-antonio-cassano-futuro

L’ex Sampdoria ha parlato della morte di Davide Astori, raccontando la sua patologia avuta nel 2011. Per il futuro, spera di tornare a giocare, ma non esclude altre ipotesi

Antonio Cassano torna a parlare e lo fa in una lunga intervista al Corriere della Sera. Tanti i temi e gli argomenti toccati, inevitabile parlare della scomparsa di Davide Astori: “Persona a modo, sempre gentile incapace di dire una parola fuori posto. Sono sconvolto, anzi di più, non saprei neanche io dire come mi sento in questi giorni. Sono molto triste, perché Davide era un amico che avevo incontrato tante volte in Nazionale. Un amico di 31 anni, nessuno dovrebbe morire a quell’età“.
Cassano che ha sofferto di una patologia al cuore: un malore mentre tornava da Roma a Milano che ha portato ad un intervento chirurgico: “Mi sento anche strano, certo: tutti sanno quello che mi è accaduto nel novembre 2011, quando giocavo con il Milan. La sua morte mi fa male, anche perché mi ricorda quei momenti, difficili per me e per la mia famiglia. Ora sto bene, benissimo; certo il mio è stato un problema completamente diverso, comune al 30% degli italiani. Mi hanno inserito un ‘ombrellino’ e problema risolto. La gente mi ferma per strada e mi chiede se conoscevo Davide. Era già successo con la morte di Morosini. Succedeva quest’estate per i problemi al cuore di Schick. So che mi fanno questa domanda per dimostrarmi il loro affetto ed è anche per questo che rispondo a tutti. I controlli vengono fatti e sono attenti, ma mi spiegarono che certe cose non si possono individuare“.
Infine, sul futuro: “Per fortuna ora sto bene e per questo voglio ancora giocare: dopo due anni sopra il mio ‘ombrellino’ si è formata la carne; ciò significa che è tutto in regola. Aspetto giugno per sapere se mi vogliono, altrimenti mi piacerebbe fare il direttore sportivo. Io, comunque, resto sempre ottimista“.

Consulta anche:

La rassegna stampa di oggi martedì 6 marzo 2018

? Pillola di Fanta

Fermo da quasi due anni, Antonio Cassano ha giocato la sua ultima partita l’8 maggio 2016. Era il derby perso 0-3 contro il Genoa, con rete di Pavoletti e doppietta di Suso. L’ultima rete risale, invece, a due anni e un giorno fa: era il 5 marzo quando all’11’ segnò al Verona, la squadra che lo aveva tesserato l’estate scorsa, prima che decidesse di rescindere di nuovo il contratto. RIPENSAMENTI


Commenti
Annuncio pubblicitario
calciodangolo.com Collabora con noi

Classifica Serie A

Risultati Serie A

Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Serie A