//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
Seguici su

La Classifica

Champions League, Bale ma non solo: la classifica dei 10 gol più belli delle finali

La rete di Bale è solo l’ultima delle prodezze nelle finali di Champions League: ecco la classifica dei 10 gol più belli

Al di là dei clamorosi errori di Karius, la finale di Champions League giocata ieri sera tra Real Madrid e Liverpool è stata decisa da uno straordinario Gareth Bale. Il gallese, subentrato ad Isco, ci ha messo solamente tre minuti per realizzare una rete che lo fa entrare di diritto nella storia della competizione. La pazzesca rovesciata dell’esterno rientra infatti a pieno diritto nella classifica dei 10 migliori gol realizzati in una finale di Champions. Una lista comprendente nomi di spicco del calcio mondiale, da quelli più recenti come Messi a quelli più “datati” come Best.

10. Fabrizio Ravanelli, Ajax-Juventus (1995/1996)

Non si tratta gol più spettacolare della storia della manifestazione, anzi. È una rete sporca, quasi brutta limitandosi volendosi limitare ad un giudizio estetico. Si tratta però di un gol creato praticamente dal nulla dall’attaccante bianconero, l’estasi di ciò che un allenatore e i tifosi vogliono vedere da un loro giocatore. La caparbietà dell’inserimento tra i due avversari fa quasi passare in secondo piano il tiro finale, perfetto nella sua traiettoria nonostante l’equilibrio precario.

9. Lionel Messi, Barcellona-Manchester United (2008/2009)

Il gol dell’argentino è una delle reti più beffarde subite da una squadra in finale di Champions League. Perché i red devils sono riusciti a bloccare il numero 10 nel suo punto forte, il gioco a terra, ma non hanno calcolato l’imponderabile. Il colpo di testa di Messi è tanto sorprendente quanto perfetto: imparabile per Van Der Sar, il pallone si è andato ad insaccare proprio all’angolino.

8. Steve McManaman, Real Madrid-Valencia (1999/2000)

Nella finale tra le due spagnole a prendersi la copertina, con uno dei gol più belli di sempre in Champions League, è stato un calciatore inglese. Il centrocampista dei blancos, non esattamente un goleador (otto reti in 94 presenze nella sua esperienza a Madrid) ha deciso di regalarsi il momento più bello nella partita più importante. Il suo gol al volo da fuori area è più difficile da immaginare che da realizzare, figurarsi poi in una gara così sentita.

7. George Best, Manchester United-Benfica (1967/1968)

L’attaccante inglese ha realizzato, nella finale contro i portoghesi, un gol clamoroso, soprattutto considerando che è arrivato al secondo minuto del primo tempo supplementare. Il tocco per anticipare il difensore è perfetto, ma è il sangue freddo dimostrato una volta arrivato davanti al portiere che rende questo gol uno dei più belli nella storia della competizione.

6. Hernan Crespo, Milan-Liverpool (2004/2005)

Una partita già indimenticabile di per sé è passata alla storia anche per via della rete, la seconda personale, di Crespo. L’argentino ha segnato un gol bellissimo, superando il portiere avversario Dudek con un tocco esponenzialmente difficile. L’azione è resa ancora più bella dall’assist di Kakà che, con due giocate, ha portato la palla dalla trequarti difensiva a quella offensiva.

5. Dejan Savicevic, Milan-Barcellona (1993/1994)

L’attaccante nato in Iugoslavia ha realizzato, nella finale di Champions League contro i blaugrana, il pallonetto probabilmente più famoso nella storia del calcio. Il rossonero, dopo aver vinto un contrasto, ha superato con una magia il portiere avversario Zubizzareta realizzando così il 3-0 della squadra allenata da Capello.

4. Mario Mandzukic, Juventus-Real Madrid (2016/2017)

L’attaccante croato ha regalato l’illusione ai tifosi bianconeri – nella finale di Cardiff contro il Real Madrid – con uno dei gol più belli della sua carriera. Al di là della rovesciata è tutta l’azione che rasenta i limiti della perfezione: il cross di Alex Sandro di prima, il controllo e l’assist di Higuain, lo stop e la girata di Mandzukic.

3. Alessandro Del Piero, Borussia Dortmund-Juventus (1996/1997)

Partita con i favori del pronostico, per la Juventus la finale contro il Borussia Dortmund si rivelerà un’incredibile delusione. I bianconeri si poterono consolare con il talento di Del Piero, allora 23enne, che realizzò la rete dell’1-2 con un incredibile colpo di tacco al volo.

2. Zinedine Zidane, Bayer Leverkusen-Real Madrid (2001/2002)

“Zidane, meglio come giocatore o come allenatore?” “Come giocatore…” Così il francese ha risposto ieri dopo la vittoria dei blancos contro il Liverpool. Forse i più giovani penseranno che Zizou stia scherzando: come è possibile fare meglio rispetto ai tre trionfi consecutivi come tecnico dei blancos? Beh, forse così.

1. Gareth Bale, Real Madrid-Liverpool (2017/2018)

Il gallese ieri ha probabilmente segnato la rete più bella di sempre nelle finali di Champions League. Dopo tre minuti dal suo ingresso in campo ha realizzato una rovesciata incredibile, decisiva poi nella vittoria finale. Una rete dal coefficiente di difficoltà altissimo, visto che – a differenza del gol di Mandzukic – non c’è stato uno stop che ha facilitato la coordinazione.

 

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in La Classifica