Seguici su

Coppa Italia

Juventus-Milan, Buffon: "L'Italia non può essere un paese mediocre"

Portiere-Gigi-Buffon-Juventus

Alla vigilia della finale di Coppa Italia tra bianconeri e rossoneri, entrambe le squadre sono state invitate come da tradizione al Quirinale, ricevute dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Mancano poco più di 24 ore alla finale di Coppa Italia tra Juventus e Milan. Entrambe le squadre sono ovviamente già a Roma, dove domani sera scenderanno in campo allo Stadio Olimpico per darsi battaglia. Lo faranno senza pensare al campionato, ai rispettivi obiettivi o al recente passato. La sana rivalità c'è sempre stata e sempre ci sarà, ma in questo momento abbiamo bisogno di essere uniti. Tutti insieme sotto un'unica bandiera: quella tricolore. Ci si aspetta dunque una bellissima serata di calcio, all'insegna del divertimento e dello spettacolo. Come da tradizione, entrambi i club – con tutti i giocatori e lo staff – sono stati invitati oggi pomeriggio al Quirinale, dove sono stati ricevuti dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A rappresentare egregiamente la Juventus, ci ha pensato il capitano Gianluigi Buffon.
Ringrazio moltissimo il Presidente per questo invito: vi rispondiamo con grande gioia. Al di là della partita di domani, siamo qui oggi per rappresentare il calcio italiano. Le istituzioni hanno fatto un grande lavoro negli ultimi anni: la Coppa Italia ha assunto grande importanza, e adesso è diventato un trofeo prestigioso. Si stava perdendo interesse nei suoi confronti, ma quando c'è la passione si può fare ogni cosa – esordisce il portiere bianconero, che poi continua – Da parte nostra possiamo promettere massimo impegno e lealtà nella gara di domani. Cercheremo di vincere, ma qualora non dovessimo farcela saremo i primi a stringere la mano al Milan: allo stesso tempo, spero facciano lo stesso i nostri avversari nel caso dovessimo essere noi a sollevare la Coppa. Un clima più tranquillo può essere utile a tutti, non solo allo sport. Non voglio parlare di politica, spero solo che chi di dovere svolga bene il suo lavoro: il nostro è un Paese di orgogliosi, e meritiamo un futuro migliore. Siamo sempre stati tra i migliori in tantissime cose, ci affidiamo a lei Presidente per tornare ad esserlo. L'Italia non può esser considerata un paese mediocre“.

Consulta anche:


? Pillola di Fanta

Per il settimo scudetto consecutivo manca ormai solo la matematica. Ma la Juventus vuole di più: è infatti a caccia della tredicesima Coppa Italia della sua storia. Vincendo domani sera, la Vecchia Signora conquisterebbe la quarta Coppa Italia di fila. Allegri sarebbe quindi ancor più davanti a tutti i colleghi: in 4 anni in bianconero potrebbe vincere 4 scudetti e 4 coppe nazionali. RECORD


Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Coppa Italia