Seguici su

Serie A

Lazio-Inter, Inzaghi contro Spalletti: una sfida che vale una stagione

Lazio-Inter-Inzaghi-Spalletti

La partita tra Lazio e Inter deciderà la sorte delle squadre e dei due allenatori. Inzaghi e Spalletti arrivano all’appuntamento decisivo dopo una stagione non facile per entrambi

Il 20 maggio all’Olimpico Lazio e Inter si giocheranno tutto in 90 minuti. Un’ora e mezza in cui si decide la stagione delle due squadre e dei loro allenatori. Spalletti e Inzaghi sono appesi ad un filo sottilissimo: chi vincerà verrà idolatrato, chi perderà sarà aspramente criticato.
Luciano Spalletti è arrivato all’Inter con l’obbiettivo, prima di tornare in Champions League, poi di far tornare l’Inter a vincere qualcosa dopo sette anni di oblio. La stagione del tecnico di Certaldo non è certamente stata facile: dalle promesse estive non mantenute, alla crisi invernale, all’addio di Sabatini, sono stati tanti i momenti difficili. Simone Inzaghi era stato chiamato, nel 2016, per sostituire Pioli per il finale di campionato. Era arrivato come traghettatore, ma dopo la rinuncia di Bielsa che avrebbe dovuto allenare la squadre nella stagione 2016/17, è diventato uno degli allenatori più promettenti del calcio italiano centrando una finale di Coppa Italia, vincendo la Supercoppa Italiana e conquistando l’amore incondizionato dei tifosi.
Lazio-Inter: uno spareggio Champions. Tutte le combinazioni possibili

Spalletti: oltre le difficoltà ambientali

Durante l’anno il tecnico nerazzurro ha sempre tentato di mantenere la rotta, nonostante una rosa ridotta all’osso ed i problemi ambientali. Nel momento di maggiore crisi, dopo la sconfitta per 2-0 in casa del Genoa, ha risollevato l’Inter, rivitalizzando Brozovic, esaltando le caratteristiche di Rafinha e Cancelo e ponendo delle basi per il futuro. Verso Spalletti sono spesso arrivate critiche sulle scelte iniziali, come quella di schierare sempre Candreva, e sulle sostituzioni, su tutti il cambio Icardi-Santon nella gara contro la Juventus. L’allenatore interista è comunque riuscito a non perdere la bussola in un ambiente difficile come quello interista e, se dovesse vincere a Roma avrebbe raggiunto l’obbiettivo stagionale.

Inzaghi: dalla scoperta Luis Alberto alla disfatta di Salisburgo

Simone Inzaghi ha vissuto una stagione che lo sta consacrando come allenatore importante. Ha dato un ruolo fondamentale a Luis Alberto, che l’anno scorso era un oggetto misterioso, ha aiutato molto la crescita di Milinkovic-Savic e rivitalizzato Immobile dopo le esperienze negative all’estero. La sua Lazio è una squadra difficile da affrontare che ormai gioca a memoria. Centrare la Champions League sarebbe straordinario per i biancocelestie per due motivi: la squadra non partiva come favorita nelle prime quattro e non partecipa ai gironi dal 2007. Nonostante la sua stagione, dal punto di vista ambientale, sia stata più facile di quella del collega, anche a lui viene imputato qualcosa; su tutto ci sono l’eliminazione in Europa League contro un avversario abbordabile come il Salisburgo e quella in Coppa Italia contro il Milan.
Le due stagioni, ad ora positive dei due allenatori, potrebbero diventare negative dopo la partita del 20 maggio. Tutto passerà da quei 90 minuti ed il rischio per i due tecnici è che un solo incontro possa cancellare quanto di buono fatto nei precedenti nove mesi.
Tutto su Lazio-Inter: precedenti, statistiche e dove vederla in tv

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A