Seguici su

Ligue 1

Mai stati in B, l'Inter come il Real Madrid e il Barcellona: le squadre mai retrocesse in Europa

tifosi-amburgo

Con la retrocessione in Zweite Liga dell’Amburgo, l’élite club delle squadre mai retrocesse nei cinque campionati più importanti d’Europa perde un rappresentante storico

Da quando il massimo campionato di calcio tedesco ha adottato ufficialmente la denominazione di “Bundesliga” – il 24 agosto 1963 – l’Amburgo è rimasta l’unica formazione ad aver preso parte a tutte le stagioni senza mai retrocedere. Un record lungo quasi 55 anni, durante i quali la società anseatica ha saputo vincere 3 Maisterschale (il trofeo della Bundesliga), 2 Coppe di Germania, 1 Coppa dei Campioni e 1 Coppa delle Coppe. Un record, un vanto per tutta la città. Tanto che in una tribuna del Volksparkstadion – lo stadio di proprietà del club – nel 2001 è stato inserito un orologio digitale che scandisce gli anni, i mesi, i giorni, le ore, i  minuti e addirittura i secondi della permanenza in Bundesliga, a partire da quel lontano 24 agosto del 1963. Dopo 54 anni e 262 giorni, il 12 maggio 2018 alle 17.30 locali circa , il timer è stato azzerato e dalla prossima stagione l’Amburgo ripartirà dalla seconda divisione del calcio tedesco – letteralmente Zweite Liga – considerato il penultimo posto con il quale i tedeschi hanno chiuso la Bundesliga 2017/18.

Squadre italiane mai retrocesse in Serie B

La cerchia ristretta dei club mai retrocessi nei 5 campionati più importanti d’Europa perde una compagine storica, nonché l’ultima superstite tra le squadre teutoniche. In Italia – dopo i ben noti fatti di Calciopoli – solamente l’Inter può vantare tale primato seppur qualcuno rivendica ancora chiarezza per un doppio spareggio alla fine della stagione 1921/22. Tutto nasce dallo scisma tra FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio) e CCI (Confederazione Calcistica Italiana) che quell’anno organizzarono due campionati distinti salvo assorbirsi sotto l’egida della FIGC dopo solo una stagione, salvando il club nerazzurro da una tragica retrocessione dopo aver racimolato la miseria di 11 punti e l’ultima posizione del campionato CCI. Da allora soltanto durante un’altra stagione di Serie A – 1993/94 – l’Inter ha rischiato di retrocedere in Serie B salvandosi all’ultima giornata per un punto, insieme alla Reggiana, a discapito del Piacenza. Stagione paradossale quella per i nerazzurri in quanto vinsero la Coppa Uefa nella doppia finale contro il Salisburgo, sfiorando l’incredibile record di vincere una coppa internazionale retrocedendo nel campionato nazionale.
Lotta salvezza in Serie A, cinque squadre in due punti: tutte le combinazioni possibili e la classifica avulsa

Le squadre mai retrocesse nei cinque campionati più importanti d’Europa

In Spagna oltre ai giganti Real Madrid e Barcellona, c’è anche l’Athletic Bilbao a non essere mai retrocessa dalla Liga. Un record notevole se si considera che il club tessera solamente calciatori di origine basca  -paesi baschi spagnoli o francesi – o che siano cresciuti a livello giovanile in una società calcistica basca. Un’eccellenza identitaria che – oltre a portare nella bacheca dello stadio San Mamés ben 8 Campionati e 23 Coppe del Re – viene riscontrata anche nella propria tifoseria, ribadita nel 2010 in un sondaggio del club sul proprio sito riguardo il potenziale ingresso in squadra di calciatori stranieri che ha ricevuto il 94% dei voti contrari.
Situazione particolare in Inghilterra, perchè dalla stagione 1992/93 – la prima a denominazione “Premier League” – sono 6 le formazioni mai retrocesse: tre di Londra – Chelsea, Tottenham e Arsenal – le due di Liverpool – i “Reds” e l’Everton – ed il Manchester United. Se si considera, però, l’intera storia del massimo campionato inglese dalla sua prima edizione nel 1888 nessuna società ha sempre e soltanto disputato la massima serie. Interessante il caso dell’Arsenal che dal 1919 disputa ininterrottamente la massima divisione inglese e che in quella stagione guadagnò la promozione grazie ad un sorteggio indetto durante i festeggiamenti per la fine della Prima Guerra Mondiale.
In Francia nessuna formazione ha sempre e solo frequentato la Ligue 1, il massimo campionato transalpino. Nemmeno il Paris Saint Germain, nato nel 1970 dalla fusione tra Stade Saint-Germain ed FC Paris, che iniziò la sua storia dalla seconda divisione francese.
 

Fonte foto: twitter.com/HSV


Commenti
Annuncio pubblicitario
calciodangolo.com Collabora con noi

Classifica Serie A

Risultati Serie A

Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Ligue 1