Seguici su

Nazionali

Mondiali di Russia 2018, la scheda dell'Argentina: ultima chance per Messi, alla ricerca della rivincita del 2014

MONDIALI-RUSSIA-2018-ARGENTINA

La pulce vuole raggiungere il trofeo più importante della sua bacheca e solo sfiorato quattro anni fa. Tutto sull’Argentina: la rosa, la formazione tipo e i consigli per il fantamondiale

Nonostante alcune difficoltà, anche questa edizione dei Mondiali avrà la sua dose di tango. L’Argentina, infatti, ha rischiato e non poco di essere un’altra esclusa eccellente della rassegna, riuscendo ad acciuffare il pass per Russia 2018 solo negli ultimi match. Messi e compagni hanno rischiato più del dovuto, ma anche in questa occasione si presentano come una delle principali candidate alla vittoria finale: per la tradizione, per la rosa e soprattutto per il successo sfiorato quattro anni fa, nella finale poi vinta dalla Germania.
Ecco la scheda con tutto quello che c’è da sapere sull’Argentina per i mondiali di Russia 2018: la rosa dei convocati, la formazione tipo, il calendario della prima fase e i consigli per il fantamondiale.

La rosa dell’Argentina

L’Argentina presenta anche quest’anno una rosa ben amalgamata in qualità e quantità. Al posto dell’infortunato Romero, problema al ginocchio e intervento chirurgico per lui, è stato chiamato Nahuel Guzman del Tigres; Mascherano guiderà la linea difensiva e nella parte avanzata l’abbondanza non manca, con i due juventini Higuain e Dybala pronti a combattere per il ruolo da titolare al centro del tridente d’attacco. Forfait dell’ultimo minuto per Lanzini, rimasto vittima di un brutto infortunio. Sampaoli ha chiamato al suo posto Enzo Perez del River Plate.
Portieri: Caballero, Armani, Guzman
Difensori: Mercado, Salvio, Fazio, Otamendi, Ansaldi, Tagliafico, Acuña, Rojo
Centrocampisti: Mascherano, Banega, Biglia, Di María, Lo Celso, Meza, Perez
Attaccanti: Pavón, Messi, Dybala, Higuaín, Agüero
Tutto sui mondiali di Russia 2018

La stella

Compirà 31 anni proprio durante la rassegna russa, che probabilmente rappresenterà anche la sua ultima chance per raggiungere definitivamente l’Olimpo dei mostri sacri di questo sport. Lionel Messi non ha bisogno di alcuna presentazione. Le sue grandi giocate, i suoi gol, i trofei personali e la bacheca sempre più ricca del Barcellona parlano per lui. Ma in Nazionale è un’altra storia: lo scorso Mondiale e nelle ultime due edizioni della Coppa America la sua Argentina è sempre riuscita ad arrivare fino in fondo, fermandosi clamorosamente, però, al momento della resa dei conti, in finale, senza che lui potesse incidere in alcun modo. Questo, per Messi, è davvero l’ultimo treno disponibile, e non ci saranno contrappelli.

La formazione tipo

Jorge Sampaoli è senz’altro uno dei migliori tecnici argentini in circolazione e rispecchia tutte le caratteristiche della sua seleccion: carisma e propensione al calcio spettacolare. Non per niente il modulo adottato è un classico 4-3-3, che però all’occorrenza può essere tramutato in un 3-5-2 che non rinuncia alla filosofia votata all’attacco. Unico punto debole il reparto arretrato, con la porta che verrà affidata verosimilmente ad Armani dopo il ko di Romero e la difesa che non annovera veri fuoriclasse, esclusi certamente due ottimi giocatori come Otamendi e Mascherano, con quest’ultimo, però, che è al tramonto della propria carriera.
Argentina (4-3-3): Armani; Mercado, Mascherano, Otamendi, Acuna; Biglia, Banega, Di Maria; Aguero, Higuain, Messi. All. Sampaoli

Il calendario dell’Argentina

L’Argentina è inserita nel gruppo D insieme a Croazia, Islanda e Nigeria. Esordirà sabato 16 giugno contro la nazionale islandese. Ecco il calendario completo e la programmazione tv della prima fase.
16 giugno ore 15:00 Argentina-Islanda (Italia 1)
21 giugno ore 20:00 Argentina-Croazia (Canale 5)
26 giugno ore 20:00 Nigeria-Argentina (Italia 1)
Dieci cose da sapere sui mondiali di Russia 2018

I giocatori consigliati per il fantamondiale

  • Banega: l’ex Inter, tornato al Siviglia la scorsa estate, è il classico centrocampista di qualità, efficace sia in fase di interdizione che di rifinitura. In nerazzurro ha vissuto sicuramente la sua migliore stagione in ottica bonus, con 6 gol e 7 assist, finendo sul taccuino dei cattivi in pochissime circostanze, e questo andamento l’ha confermato anche in Spagna nonostante la stagione non positiva dei rojiblancos. Un elemento, quindi, che può solo arricchire la rosa.
  • Di Maria: in mezzo a tanti e continui acquisti multimilionari degli sceicchi, il giocatore del Psg si è confermato protagonista anche quest’anno e rappresenta uno degli elementi di maggiore spicco della seleccion. Per lui sono arrivati infatti ben 21 gol e 15 assist all’ombra della Tour Eiffel ed è più che mai carico per dare un contributo importante anche per il raggiungimento della coppa più prestigiosa.
  • Dybala: nonostante la qualificazione acciuffata in extremis, l’attaccante della Juventus si è confermato a ottimi livelli piazzandosi sul podio dei cannonieri della Serie A alle spalle dei mostruosi Immobile e Icardi. Il posto da titolare non è per niente sicuro, ma con una rassegna come quella Mondiale che arriva al termine di una stagione faticosa per tutti, la sua freschezza atletica potrebbe portare a insidiare uno tra Aguero e il compagno di squadra Higuain.

I giocatori sconsigliati per il fantamondiale

  • Mascherano: l’ex Barcellona è stato per anni il leader del reparto arretrato dell’Argentina, anche per la sua polivalenza tra difesa e centrocampo. L’incognita più grande è rappresentata dal suo trasferimento in Cina, in un campionato dal livello certamente più basso rispetto alla Liga e senza particolari motivazioni oltre ai milioni garantiti sul proprio conto corrente. A questi livelli cullarsi può essere letale.
  • Biglia: il metronomo del Milan è reduce da una stagione da dimenticare, sia individualmente che per il club. Arrivato a Milano in pompa magna, complici soprattutto gli infortuni e l’assenza iniziale di una vera idea di gioco, Biglia non ha inciso come ai tempi della Lazio, e vista la sua sterilità anche in ottica bonus si può certamente evitare di annoverarlo nella fantarosa del Mondiale.
  • Higuain: il numero 9 della Juventus non ha vissuto una stagione propriamente esaltante, nonostante abbia comunque dato un importante contributo sia in zona gol che nel supporto ai compagni. Tuttavia i precedenti parlano chiaro, e al momento della resa dei conti il Pipita è quasi sempre un assente ingiustificato. Se si vuole andare in fondo al fantamondiale, meglio puntare su qualcun altro.

La possibile sorpresa

  • Acuna: in mezzo a tante incognite, il terzino quasi ventisettenne dello Sporting Lisbona è sicuramente uno degli elementi più interessanti della squadra di Sampaoli. La scorsa stagione ha realizzato ben 6 reti e 9 assist tra le varie competizioni, mostrando una spiccata quotazione all’attacco. Attenzione però ai malus: 13 ammonizioni e un’espulsione sono un campanello d’allarme non da poco, ma che nel complesso non sviano dal puntare su di lui.

LE FANTASCHEDE DI TUTTE LE SQUADRE DI RUSSIA 2018


Commenti
Annuncio pubblicitario
calciodangolo.com Collabora con noi

Classifica Serie A

Risultati Serie A

Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Nazionali