Nazionali

Mondiali di Russia 2018, la scheda del Portogallo: esperienza, talento e CR7

Mondiali di Russia 2018, la scheda del Portogallo: esperienza, talento e CR7

I campioni d’Europa in carica arrivano al Mondiale di Russia 2018 da possibile sorpresa, con Cristiano Ronaldo a guidare la spedizione. Tutto sul Portogallo: la rosa, la formazione tipo e i consigli per il fantamondiale

Per il Portogallo si tratta della settima partecipazione alla prestigiosa competizione. Dopo aver conquistato il primo europeo della loro storia, i portoghesi si affacciano ai mondiali di Russia 2018 da possibili outsider: con l’obiettivo di arrivare più in fondo possibile.
Dopo una partenza difficile con la sconfitta contro la Svizzera alla prima giornata, il Portogallo si è ripreso già dalla seconda e ha messo subito le cose in chiaro. Qualificazione tranquilla per i portoghesi che hanno vinto tutte le restanti gare del girone, chiudendo in prima posizione a pari punti con la Svizzera, 27 per entrambe, con un vantaggio di 14 punti sull’Ungheria terza. Per i ragazzi di Fernando Santos miglior attacco e miglior difesa del girone, con 32 gol fatti e solamente quattro subiti.
Ecco la scheda con tutto quello c’è da sapere sul Portogallo per i mondiali di Russia 2018: la rosa dei convocati, la formazione tipo, il calendario della prima fase e i consigli per il fantamondiale.

La rosa del Portogallo

Il Portogallo può vantare una rosa che è un misto tra calciatori con molta esperienza e giovani talentuosi. Tra i più esperti troviamo gente come Cristiano Ronaldo, Rui Patricio e Quaresma. Ma attenzione anche ai giovani, con André Silva e Goncalo Guedes pronti a sfruttare le occasioni per mettersi in mostra.
Portieri: Lopes, Beto, Rui Patricio
Difensori: Bruno Alves, Soares, Fonte, Mario Rui, Pepe, Guerreiro, Ricardo Pereira, Dias
Centrocampisti: Adrien Silva, Bruno Fernandes, Joao Mario, Joao Moutinho, Manuel Fernandes, Carvalho
Attaccanti: Cristiano Ronaldo, André Silva, Bernardo Silva, Martins, Guedes, Quaresma
Tutto sui mondiali di Russia 2018

La stella

Senza ombra di dubbio l’uomo simbolo di questo Portogallo è Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro o, più semplicemente, Cristiano Ronaldo. L’attaccante del Real Madrid arriva al suo quarto mondiale con gli occhi di tutta la nazione, e non solo, puntati addosso. Il fenomeno portoghese è reduce dall’ennesima grande stagione, stagione che lo ha visto alzare il suo quinto Pallone d’Oro della carriera. Oltre alle solite ottime prestazioni, anche quest’anno i suoi numeri sono stati fuori dalla media: 44 gol e otto assist in 43 presenze con il Real Madrid. Se si considerano anche i sei gol messi a segno con il Portogallo, per lui si tratta dell’ottava stagione consecutiva con almeno 50 gol all’attivo.

La formazione tipo

Fernando Santos dovrebbe schierare i suoi con il più classico dei 4-4-2, con un centrocampo talentuoso e dinamico e terzini molto offensivi. In avanti accanto al sicurissimo Cristiano Ronaldo sarà una vera e propria lotta per una maglia, con il milanista André Silva in pole.
Portogallo (4-4-2): Lopes; Pereira, Pepe, Fonte, Guerreiro; Bernardo Silva, Bruno Fernandes, Carvalho, Guedes; Cristiano Ronaldo, André Silva. All. Santos

Il calendario del Portogallo

Il Portogallo è inserito nel gruppo B con Spagna, Marocco e Iran. Esordirà venerdì 15 giugno contro le furie rosse. Ecco il calendario completo e la programmazione tv della prima fase.
15 giugno ore 20:00 Portogallo-Spagna (Canale 5)
20 giugno ore 14:00 Portogallo-Marocco (Italia 1)
25 giugno ore 20:00 Iran-Portogallo (Canale 20)

I giocatori consigliati per il fantamondiale

  • Cristiano Ronaldo: non bastano più le parole per descrivere Cr7, e allora ecco che i numeri possono dare una mano: 44 gol e otto assist in 43 presenze stagionali con il Real Madrid. Tradotto, con lui in campo la sua squadra segna almeno un gol a partita. In una competizione come il fantacalcio, il portoghese è sicuramente uno dei principali consigliati.
  • Bruno Fernandes: esploso in Italia con la maglia della Sampdoria, con il passaggio allo Sporting Lisbona è ormai diventato una sicurezza. Bruno Fernandes in questa stagione si è infatti fatto notare per l’elevata quantità di bonus portati a casa: 16 gol e 20 assist in 56 presenze tra tutte le competizioni. Con uno come Ronaldo davanti poi, ogni passaggio potrebbe trasformarsi in assist.
  • André Silva: anche se la prima stagione italiana con la maglia del Milan non è stata delle migliori, con appena 10 gol e due assist in 40 presenze tra tutte le competizioni. In nazionale per il giovane talento rossonero il discorso cambia radicalmente. Da quando nel settembre del 2016 è passato nel Portogallo dei grandi, Silva ha infatti trovato 11 gol in 20 presenze.

I giocatori sconsigliati per il fantamondiale

  • Pepe: la carriera dell’ex Real Madrid è ormai entrata nella fase calante e a risentire ovviamente sono le prestazioni. Anche se dalla sua ha l’esperienza, il difensore del Besikstas non è più un ragazzino e potrebbe spesso ricorrere al fallo per fermare qualche avversario più “fastidioso”. Da tenere in considerazione inoltre il suo carattere, non proprio tranquillo. Per lui sette cartellini gialli in 35 presenze stagionali con i turchi.
  •  Fonte: per lui vale un po’ il discorso fatto prima per il compagno di reparto. A differenza di Pepe però, Fonte non ha giocato molto nel corso dell’ultima stagione. In più potrebbe pagare il trasferimento in un campionato meno competitivo come quello cinese, dove gli avversari (almeno sulla carta) sono molto meno difficili da affrontare rispetto a quelli che si troverà di fronte al mondiale.
  • Carvalho: nella mediana dei portoghesi Carvalho è sicuramente quello con meno qualità di tutti. Il capitano dello Sporting Lisbona è più un centrocampista da contenimento. Inoltre possiede due delle caratteristiche più “odiate” dai fantallenatori: porta pochi bonus e prende molti cartellini. Per lui in stagione sono infatti arrivati appena un gol e due assist in 38 presenze tra tutte le competizioni, ben otto invece i cartellini gialli.

La possibile sorpresa

  •  Guedes: nella stagione in prestito al Valencia ha messo in mostra tutte le sue potenzialità, dopo poche partite è infatti riuscito ad ottenere una maglia da titolare con gli spagnoli. In stagione per lui sono arrivati sei gol e 11 assist in 40 presenze. Il mondiale rappresenta inoltre una grande occasione per confermare quanto di buono fatto vedere in Spagna e arrivare al PSG per giocarsi una maglia da titolare e un ruolo da protagonista.

LE FANTASCHEDE DI TUTTE LE SQUADRE DI RUSSIA 2018


Classe '96, siciliano. Innamorato delle statistiche, forse tanto quanto del calcio. Appassionato di cinema e serie tv, oltre che di tutto quello che ha a che fare con numeri e record, di qualsiasi genere e categoria!

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Rubriche

Di più in Nazionali