Seguici su

Nazionali

Mondiali di Russia 2018, tutto quello che c'è da sapere sulla Coppa del Mondo

mondiali russia 2018

Al via il 14 giugno i Mondiali numero 21 della storia del calcio: tutto quello che c’è da sapere sulla competizione per nazionali di Russia 2018. Squadre qualificate, calendario, stadi e arbitri

Con il fischio d’inizio di Russia-Arabia Saudita, in programma alle ore 17:00 del 14 giugno a Mosca, il mondo si fermerà per circa un mese. I mondiali tengono sotto scacco l’intero globo per la loro atmosfera che coinvolge anche chi di solito al calcio non si appassiona. Cerchiamo di dare una visione ampia della competizione più importante del mondo: dagli stadi agli arbitri, dalla formula al calendario passando per qualche curiosità.

Data inizio e fine

Il mondiale di Russia 2018 prenderà il via alle 17:00 di lunedì 14 giugno e terminerà domenica 15 luglio con la finalissima in programma a Mosca: fischio di inizio sempre alle ore 17:00.

Squadre partecipanti

Trentadue le Nazionali che si contenderanno il titolo di Campione del Mondo. Cinque i continenti rappresentati: 14 nazionali europee, cinque africane, quattro asiatiche, otto tra le due Americhe – cinque del sud e tre del centronord – e la sola Australia a rappresentare l’Oceania. Panama e Islanda parteciperanno al Mondiale per la prima volta nella storia. Fuori dalla competizione invece nazioni del calibro dell’Italia, Paesi Bassi e Cile. Il paese con più partecipazioni è il Brasile a quota venti, non avendo mai saltato un edizione. Ecco l’elenco delle squadre – già divise in gruppi – al via del Mondiale di Russia 2018:
GIRONE A: Russia, Arabia Saudita, Egitto, Uruguay
GIRONE B: Portogallo, Spagna, Marocco, Iran
GIRONE C: Francia, Australia, Perù, Danimarca
GIRONE D: Argentina, Islanda, Croazia, Nigeria
GIRONE E: Brasile, Svizzera, Costa Rica, Serbia
GIRONE F: Germania, Messico, Svezia, Corea del Sud
GIRONE G: Belgio, Panama, Tunisia, Inghilterra
GIRONE H: Polonia, Senegal, Colombia, Giappone
La lista dei convocati delle 32 nazionali partecipanti al Mondiale di Russi 2018

Formula

Le 32 squadre partecipanti sono divise in otto gironi da quattro. La formula per la fase iniziale è quella “all’italiana” con gare di sola andata. Le prime due squadre di ogni girone si qualificheranno al tabellone a 16 squadre della fase finale in cui gare secche da dentro o fuori daranno – di volta in volta . le squadre qualificate al turno successivo fino alla finalissima. Gli accoppiamenti che dopo i gironi daranno vita agli ottavi di finale, saranno i seguenti: 1.A-2.B (prima qualificata girone A contro la seconda del girone B), 1.C-2.D, 1.E-2-F, 1.G-2.H, per la parte alta del tabellone. Nella parte bassa invece ci saranno i seguenti accoppiamenti: 1.B-2.A, 1.D-2-C, 1.F-2.E, 1.H-2.G. Dopo le semifinali previste la finalina per il terzo posto e la finalissima per la coppa del mondo.

Il calendario

GIRONE A

Russia-Arabia Saudita (14 giugno ore 17:00, Mosca)
Egitto-Uruguay (15 giugno ore 14:00, Ekaterimburg)
Russia-Egitto (19 giugno ore 20:00, San Pietroburgo)
Uruguay-Arabia Saudita (20 giugno ore 17:00, Rostov)
Uruguay-Russia (25 giugno ore 16:00, Samara)
Egitto-Arabia Saudita (25 giugno ore 16:00, Volgograd)

GIRONE B

Marocco-Iran (15 giugno ore 17:00, San Pietroburgo)
Portogallo-Spagna (15 giugno ore 20:00, Soci)
Portogallo-Marocco (20 giugno ore 14:00, Mosca)
Iran-Spagna (20 giugno ore 20:00, Kazan)
Portogallo-Iran (25 giugno ore 20:00, Saransk)
Spagna-Marocco (25 giugno ore 20:00, Kaliningrad)

GIRONE C

Francia-Australia (16 giugno ore 12:00, Kazan)
Perù-Danimarca (16 giugno ore 18:00, Saransk)
Danimarca-Australia (21 giugno ore 14.00, Samara)
Francia-Perù (21 giugno ore 17:00, Ekaterimburg)
Australia-Perù (26 giugno ore 16:oo, Soci)
Danimarca-Francia (26 giugno ore 20:00, Mosca)

GIRONE D

Argentina-Islanda (16 giugno ore 15:00, Mosca)
Croazia-Nigeria (16 giugno ore 21:00, Kaliningrad)
Argentina-Croazia (21 giugno ore 20:00, Niznij Novgorod)
Nigeria-Islanda (22 giugno ore 17:00, Volgograd)
Nigeria-Argentina (26 giugno ore 20:00, San Pietroburgo)
Islanda-Croazia (26 giugno ore 20:00, Rostov)

GIRONE E

Costa Rica-Serbia (17 giugno ore 14:00, Samara)
Brasile-Svizzera (17 giugno ore 20:00, Rostov)
Brasile-Costa Rica (22 giugno ore 14:00, San Pietroburgo)
Serbia-Svizzera (22 giugno ore 20:00, Kaliningrad)
Serbia-Brasile (27 giugno ore 20:00, Mosca)
Svizzera-Costa Rica (27 giugno ore 20:00, Niznij Novgorod)

GIRONE F

Germania-Messico (17 giugno ore 17:00, Mosca)
Svezia-Corea del Sud (18 giugno ore 14:00, Niznij Novgorod)
Corea del Sud-Messico (23 giugno ore 17:00, Rostov)
Germania-Svezia (23 giugno ore 20:00, Soci)
Corea del Sud-Germania (27 giugno ore 16:00, Kazan)
Messico-Svezia (27 giugno ore 16:00, Ekaterimburg)

GIRONE G

Belgio-Panama (18 giugno ore 17:00, Soci)
Tunisia-Inghilterra (18 giugno ore 17:00, Volgograd)
Belgio-Tunisia (23 giugno ore 14:00, Mosca)
Panama-Inghilterra (24 giugno ore 14:00, Niznij Novgorod)
Inghilterra-Belgio (28 giugno ore 20:00, Kaliningrad)
Panama-Tunisia (28 giugno ore 20:00 a Saransk)

GIRONE H

Colombia-Giappone (19 giugno ore 14:00, Saransk)
Polonia-Senegal (19 giugno ore 20:00 a Mosca)
Giappoone-Senegal (24 giugno ore 14:00, Ekaterimburg)
Polonia-Colombia (24 giugno ore 17:00, Kazan)
Giappone-Polonia (28 giugno ore 16:00, Volgograd)
Senegal-Colombia (28 giugno ore 16:00, Samara)

OTTAVI DI FINALE

(Q1): 1C-2D (30 giugno ore 16:00, Kazan)
(Q2): 1A-2B (30 giugno ore 20:00, Soci)
(Q3): 1B-2A (1 luglio ore 16:00, Mosca)
(Q4): 1D-2C (1 luglio ore 20:00, Niznij Novgorod)
(Q5): 1E-2F (2 luglio ore 16:00, Samara)
(Q6): 1G-2H (2 luglio ore 20:00, Rostov)
(Q7): 1F-2E (3 luglio ore 16:00, San Pietroburgo)
(Q8): 1H-2G (3 luglio ore 20:00, Mosca)

QUARTI DI FINALE

(S1): Vincente Q1-Vincente Q2 (6 luglio ore 16:00, Niznij Novgorod)
(S2): Vincente  Q5-Vincente Q6 (6 luglio ore 20:00, Kazan)
(S3): Vincente Q7-Vincente Q8 (7 luglio ore 16:00, Samara)
(S4): Vincente Q3-Vincente Q4 (7 luglio ore 20:00, Soci)

SEMIFINALI

Vincente S1-Vincente S2 (10 luglio ore 20:00, Mosca)
Vincente S3-Vincente S4 (11 luglio ore 20:0, San Pietroburgo)

FINALI

Finale 3/4 posto (14 luglio ore 16:00, San Pietroburgo)
Finale 1/2 posto (15 luglio ore 15:00, Mosca)

Gli stadi

Saranno dodici gli stadi impegnati in undici diverse città. Gli 81 mila posti dello Stadio Luzniki di Mosca ospiteranno la finalissima del 15 luglio, nella capitale anche la bellissima Otkrytie Arena. Altro stadio di punta del mondiale è senza dubbio la Zenit Arena di San Pietroburgo dove si disputerà la finale per il terzo e quarto posto.
Ecco tutti gli stadi del mondiale di Russia 2018:

  • Mosca: Stadio Luzniki 81 mila posti e Otkrytie Arena 46.990 posti
  • San Pietroburgo: Zenit Arena 69.501 posti
  • Kaliningrad: Arena Baltika 45.015 posti
  • Kazan: Kazan Arena 45.105 posti
  • Samara: Futbol’nyj stadion v Samare 44.918 posti
  • Saransk: Mordovija Arena 45.015 posti
  • Rostov: Rostov Arena 43.702 posti
  • Soci: Stadio Olimpico Fist 47.659 posti
  • Ekaterimburg: Stadio Centrale 35 mila posti
  • Volgograd: Volgograd Arena 45.015
  • Niznij Novgorod: Stadio Niznij Novgorod 44.899 posti

Gli arbitri

Trentasei direttori di gara coadiuvati da sessantatre assistenti per regolare il primo Mondiale dell’era VAR. Per questa ragione agli arbitri di campo sono stati aggiunti tredici fischietti per dirigere le operazioni in cabina. Folta la presenza italiana proprio per l’esperienza fatta dal VAR quest’anno in Serie A.
Oltre a Gianluca Rocchi, designato tra in magnifici trentasei, al VAR ci saranno Orsato, Valeri e Irrati. A garantire la “giustizia” sul terreno di  gioco i fischietti più qualificati del globo. Tra tutti il serbo Mazic fresco direttore della finale di Champions, passando per l’olandese Kuipers che ha diretto la finale di Europa League. Tra i più esperti e carismatici – oltre al nostro Rocchi – troviamo Skomina della federazione slovena e lo spagnolo Laohz. Non ci saranno – dopo i fasti di un totem dell’arbitraggio come Webb – direttori di gara britannici.
Ecco la lista di tutti gli arbitri del Mondiale di Russia 2018:

  • Irmatov – Uzbekistan
  • Al-Miridasi – Arabia Saudita
  • Faghani – Iran
  • Hassan Mohamed – Emirati Arabi Uniti
  • Sato – Giappone
  • Shukralia – Bahrein
  • Diedhiou – Senegal
  • Abid Charef – Algeria
  • Gassama – Gambia
  • Grisha – Egitto
  • Sikaswe – Zambia
  • Weyesa – Etiopia
  • Geiger – Stati Uniti
  • Ramos – Messico
  • Pitti – Panama
  • Aguillar – El Salvador
  • Montero – Costa Rica
  • Bascunan – Cile
  • Caceres – Paraguay
  • Cunha – Uruguay
  • Pitana – Argentina
  • Ricci – Brasile
  • Roldàn – Colombia
  • Conger – Nuova Zelanda
  • Hauata – Polinesia Francese
  • Brych – Germania
  • Cakir – Turchia
  • Mazic – Serbia
  • Rocchi – Italia
  • Kuipers – Paesi Bassi
  • Lahoz – Spagna
  • Tupier – Francia
  • Skomina – Slovenia
  • Marciniak – Polonia
  • Karasev – Russia

Nazione con più vittorie

In testa all’albo d’oro c’è il Brasile che ha conquistato la Coppa del Mondo per ben cinque volte. Obiettivo per gli uomini di Tite allungare sull’Italia e la Germania a quota quattro vittorie. Se gli azzurri non potranno controbattere, i tedeschi campioni in carica hanno tutte le intenzioni di pareggiare i conti. Due vittorie a testa invece per Argentina e Uruguay, a quota uno Francia, Spagna e Inghilterra.
Curiosità: 10 cose da sapere sul mondiale di Russia 2018

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Nazionali