//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
Seguici su

Serie A

Milan, Fassone: "Spero che l'UEFA valuti i fatti. Nuovi soci? Non posso dirlo"

Fassone-Milan

L’amministratore delegato del Milan Marco Fassone ha parlato al termine dell’udienza con la UEFA

Oggi è stato un giorno molto importante per il Milan che, rappresentato dall’amministratore delegato Marco Fassone, si è presentato a Nyon per l’udienza con la UEFA, prima del verdetto ormai atteso a giorni dopo la bocciatura del settlement agreement. All’uscita dall’incontro, Fassone si è fermato a parlare ai microfoni di Sky Sport. Le prime dichirazioni sono state proprio in merito alla sentenza: “Speriamo vengano valutati fatti certi e non congetture. Non esprimo più sensazioni, abbiamo argomentato le nostre tesi che abbiamo messo per iscritto. È stato un bell’incontro durato circa due ore e la sensazione che ho è che almeno siamo stati ascoltati. Quello che noi chiediamo è che il club sia valutato in coerenza con i club che sono stati valutati nell’anno di Fair Play finanziario. I casi sono tanti e variegati e chiediamo di essere valutati allo stesso modo di altri club. Non ci è stato detto quando arriverà la sentenza. Non voglio andare a esprimere giudizi prima. Lasciamo all’Adjudicatory Chamber che è composta da elementi di alto profilo il tempo giusto per valutare il nostro caso oltre a quello che abbiamo espresso verbalmente questa mattina. Eventualmente, la commenteremo dopo. Se la sentenza dovrà essere giudicata da noi troppo penalizzante allora la via del ricorso al TAS di Losanna è sicuramente percorribile“.
Sul possibile ingresso in società di un nuovo socio: “Non posso dire nulla, sono fatti che riguardano l’azionista, come tanti di quelli discussi oggi. Abbiamo scelto una linea composta da fatti certi e non di supposizioni“.
Oltre che le sorti della prossima stagione, dalla sentenza di Nyon dipende anche il mercato dei rossoneri: “Mirabelli sta lavorando, non sta aspettando le sentenze che al massimo possono modificare il budget che abbiamo. C’è un piano A e un piano B in base a quelle che saranno le sentenze“.

? Pillola di Fanta 

In attesa della sentenza UEFA, il Milan ha iniziato a muoversi sul mercato. In caso di esclusione dall’Europa League, oltre che la strategia, i rossoneri rischiano però di dover cambiare anche la rosa. Qualche calciatore potrebbe infatti chiedere la cessione, anche se al momento si tratta solo di ipotesi. ATTESA

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A