Seguici su

Nazionali

Mondiali di Russia 2018, la scheda della Costa Rica: Navas per l'impresa

MONDIALI-RUSSIA-2018-COSTA-RICA

I Ticos parteciperanno per la quinta volta ai mondiali, ma sono in un girone di ferro con Brasile, Svizzera e Serbia. Tutto sulla Costa Rica: la rosa, la formazione tipo e i consigli per il fantamondiale

Se si pensa alla Costa Rica e ai mondiali di calcio non può non venire in mente il 2014. I Ticos erano stati infatti i giustizieri dell’Italia, prima di arrivare ai quarti di finale con l’Olanda. Soltanto i miracoli del portiere orange Krul nella batteria dei calci di rigore avevano impedito ai centramericani di centrare una storica semifinale.
La Costa Rica arriva a Russia 2018 con l’ambizione di provare a ripetere quell’impresa, cercando almeno di passare il turno. Stavolta però sembra davvero tutt’altro che semplice. Inserita nel gruppo E con Brasile, Svizzera e Serbia, la squadra allenata da Oscar Ramirez sembra esser la vittima sacrificale. Eppure una piccola speranza c’è, soprattutto se si pensa al modo con cui è arrivato il pass per Russia 2018. I Ticos hanno infatti dominato il loro raggruppamento della quarta fase, che comprendeva anche Panama, Haiti e Giamaica, ottenendo cinque vittorie e un pareggio. Nell’ultima fase è invece arrivato il secondo posto dietro il Messico e davanti agli Stati Uniti, i grandi esclusi dal Mondiale. Insomma, una qualificazione mai in discussione e arrivata con due gare di anticipo.
Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla Costa Rica per i Mondiali di Russia 2018: rosa dei convocati, formazione tipo, calendario del girone e consigli per il fantamondiale.

La rosa della Costa Rica

La Costa Rica è una squadra molto quadrata e che riesce a esprimere un buon calcio. Il commissario tecnico Oscar Ramirez, subentrato al dimissionario Wanchope, punterà su giocatori esperti, ma ordinati tatticamente. Ecco i 23 convocati:
Portieri: Navas, Pemberton, Moreira;
Difensori: Gamboa, Smith, Matarrita, Oviedo, Duarte, Gonzalez, Calvo, Waston, Acosta;
Centrocampisti: Guzman, Tejeda, Borges, Azofeifa, Wallace, Ruiz, Colindres, Bolanos;
Attaccanti: Venegas, Campbell, Urena.
Tutto sui mondiali di Russia 2018

La stella

Fattosi conoscere al grande pubblico proprio ai Mondiali di quattro anni fa, Keylor Navas è, senza alcun dubbio, il punto di riferimento della Costa Rica. L’estremo difensore del Real Madrid non ha bisogno di alcuna presentazione e, con i suoi 31 anni e la sua esperienza internazionale, è sicuramente la stella dei Ticos, nonché il giocatore più forte della loro storia calcistica. E l’ennesima Champions vinta con i Blancos può dargli quella carica in più.
La formazione tipo
Oscar Ramirez ha disegnato un 5-4-1, che può però trasformarsi rapidamente in 3-5-2 in fase offensiva. Molto importante il ruolo degli esterni e del riferimento offensivo. Arma letale il contropiede, sfruttando rapidità e velocità. La Costa Rica si è però dimostrata capace anche palla al piede e per di più ha messo in mostra una buona compattezza difensiva.
Costa Rica (5-4-1): Navas; Gamboa, Umana, Gonzalez, Waston, Oviedo; Ruiz, Borges, Guzman, Bolanos; Campbell. All. Ramirez
Il calendario della Costa Rica
Come detto, i centramericani sono stati inseriti nel gruppo E con Brasile, Svizzera e Serbia ed esordiranno il 17 giugno contro gli slavi. Ecco il calendario completo e la programmazione tv della prima fase:
17 giugno ore 14 Costa Rica-Serbia (Italia 1)
22 giugno ore 14 Brasile-Costa Rica (Italia 1)
27 giugno ore 20 Svizzera-Costa Rica (Canale 20)
Dieci cose da sapere sui mondiali di Russia 2018

I giocatori consigliati per il fantamondiale

Joel Campbell: il 25enne attaccante del Betis, ma di proprietà dell’Arsenal, arriva ai Mondiali in non perfette condizioni fisiche. Soltanto un gol in tre presenze in questa stagione, ma la sua rapidità, la sua velocità e il suo fiuto del gol potrebbero esplodere da un momento all’altro. D’altronde, con i suoi 14 gol, è un elemento imprescindibile per la Costa Rica.
Celso Borges: centrocampista in grado di ricoprire però anche il ruolo di attaccante. Ed è proprio questa sua duttilità a farne un pilastro della nazionale di Ramirez. Il giocatore del Deportivo La Coruña si fa valere anche in zona gol, come dimostrano le tre reti e i tre assist realizzati in Liga nella stagione appena conclusasi.
Marcos Ureña: l’attaccante, in forza ai Los Angeles Galaxy, è un autentico re degli assist, avendone realizzato cinque in sette presenze nella Major League statunitense. La speranza è che riesca a confermare questa sua capacità anche durante la rassegna iridata in Russia. Potrebbe partire dalla panchina, ma chissà che, con il tempo e con le prestazioni, non si guadagni un posto da titolare.

I giocatori sconsigliati per il fantamondiale

Michael Umaña: dovrebbe essere il centrale titolare, ma, visti anche i 35 anni di età, non sembra dare grandissime garanzie sia dal punto vista fisico che da quello tattico. Per di più fa collezione di cartellini: ben 5 nell’ultima stagione, disputata con la maglia del Liberia, squadra costaricana.
Johan Venegas: dovrebbe essere la principale alternativa offensiva per il Costa Rica. Il suo rapporto con il gol però sembra essersi interrotto nelle ultime stagioni. Infatti quest’anno sono state soltanto cinque le reti realizzate in ben 27 presenze. E a balzare all’occhio sono anche i nove cartellini gialli.
Bryan Ruiz: il 32enne costaricano non è riuscito a incidere in questa stagione con la maglia dello Sporting Lisbona. Soltanto due reti e un assist in ben 33 presenze. Un po’ poche per un’ala prettamente offensiva come lui. L’aria del mondiale potrebbe fargli bene, ma meglio non rischiare.

La possibile sorpresa

Giancarlo Gonzalez: difensore roccioso, forte fisicamente e abile nel colpo di testa. Tutte caratteristiche che permettono al 30enne del Bologna di dire la sua nelle palle alte. E non solo in fase difensiva, come ben testimoniano i quattro gol realizzati con la maglia del Palermo, in cui ha militato dal 2014 al 2017. Sarà un pilastro della Costa Rica e magari anche un’inattesa sorpresa.
LE FANTASCHEDE DI TUTTE LE SQUADRE DI RUSSIA 2018

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Nazionali