Seguici su

Serie A

Milan, arrivano le motivazioni della Uefa dopo l’esclusione dalle coppe

La Uefa ha pubblicato il documento integrale riportante le motivazioni che hanno portato all’esclusione del Milan dalle coppe europee

Il Milan e le coppe europee, un binomio destinato – perlomeno per il prossimo anno – a non funzionare. Tutta “colpa” della Uefa che il 27 giugno scorso ha emesso la sentenza secondo la quale i rossoneri non avrebbero potuto partecipare alla prossima Europa League. Una decisione veramente importante che in quanto tale necessita di motivazioni chiare e precise. Queste motivazioni – nella loro completezza – sono state pubblicate solamente oggi. Un plico di 33 pagine che spiega il perché il Milan è stato escluso dalle manifestazioni continentali per la stagione 2018/19.

Il China Business

Nelle motivazioni della Uefa vengono evidenziati i dubbi sulla presidenza della società ed in particolare sulle finanze di Yonghong Li. Nella sentenza viene sottolineato e fortemente criticato il cosiddetto China Business, ossia i ricavi che il Milan avrebbe dovuto incassare dallo sviluppo nel mercato cinese. Nel primo business plan tale voce veniva valutata 277 milioni di euro fino al 2021, mentre la revisione verso il basso spingeva questa cifra a 229 milioni. Nella rivalutazione presentata a novembre invece questo dato scende drasticamente, fissandosi a 128 milioni.

Il rifinanziamento

L’altra situazione chiave in senso negativo è stata quella riguardante il rifinanziamento. In particolare la Uefa sottolinea come ad ogni incontro la situazione fosse in divenire, ma Yonghong Li non abbia mai dato l’impressione di poter adempiere ai suoi impegni. Addirittura, secondo quanto riporta Panorama, il club avrebbe messo nero su bianco la possibilità di passare parte del debito del presidente cinese al bilancio del Milan. Una situazione davvero poco chiara e rassicurante che ha spinto alla sentenza dell’esclusione dalle coppe. Tutto ciò tenendo comunque conto del grave sforamento del fair play finanziario – 120 milioni di euro – un dato che non ha certo aiutato Fassone a convincere la Uefa circa la bontà del progetto rossonero.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A