Seguici su

Serie A

Milan, Leonardo: “Bakayoko una delle opzioni. Per Suso zero offerte”. Maldini: “Obiettivo Champions”

Leonardo dirigente milan

Dalla conferenza stampa di presentazione di Reina e Strinic, sono intervenuti anche Leonardo e Maldini: diversi i temi trattati dai due neo dirigenti rossoneri, dal mercato agli obiettivi stagionali

Giornata di presentazioni oggi in casa Milan, con due dei primi acquisti – Pepe Reina e Ivan Strinic – che hanno parlato in conferenza stampa. Insieme a loro, davanti ai giornalisti, hanno parlato anche i nuovi dirigenti Leonardo e Paolo Maldini, che hanno fatto un po’ il punto della situazione in casa rossonera: dal mercato agli obiettivi stagionali.

Si parte con Leonardo, emozionato dal ritorno a Milanello: “È stata una grande emozione tornare a Milanello, per me è stato bello incontrare tutti i dipendenti, alcuni dei quali ancora qui dopo tanti anni. Ho visto bene la squadra, è molto motivata; ci sono ancora alcuni aspetti importanti da definire, ma è stato un ottimo avvio“.

Dal suo ritorno al Milan, Leonardo si è subito tuffato sul mercato: “Bakayoko? Non nego che stiamo parlando, è una possibilità, sempre al netto dei paletti che dobbiamo rispettare. Ci sono ancora 7 giorni per definire i vari dettagli, ma è certamente un’opzione. Serve un esterno? Quando siamo arrivati qui, abbiamo cercato di capire le esigenze della squadra, sempre tenendo presenti le necessità di fare qualcosa in entrata e in uscita. Vogliamo completare la rosa considerando queste esigenze; riteniamo comunque di avere una squadra competitiva. Se giocheremo ancora col 4-3-3? Questa è una scelta di Gattuso, ma la base di partenza sarà questa. Milinkovic-Savic purtroppo è difficile, è un giocatore che non rientra nei nostri parametri. Un giocatore completo e moderno, ma in questo momento non è fattibile. Draxler è un nome che è emerso in questi giorni, ma non c’è stato alcun contatto per lui“.

Al momento il mercato più caldo è però quello in uscita: “Per Suso non ci sono mai arrivate offerte, nè dalla Roma nè da nessuno. Si è trattato di un incontro individuale conoscitivo, per condividere alcune sensazioni, su alcune situazioni alla luce dell’arrivo di una nuova proprietà. Non si è mai pensato di metterlo sul mercato, oggi non ci sono le condizioni per un addio di Suso. Con André Silva stiamo cercando di capire la sua situazione, è una corsa contro il tempo, c’è una chance che lui possa andare. Bacca e Locatelli? Non abbiamo mai pensato di far partire Locatelli, è una questione rimasta per molto tempo in sospeso e questa attesa ha forse creato delle incomprensioni. Con Bacca abbiamo un ottimo rapporto, è consapevole della situazione e lui ha le sue esigenze. Vedremo di trovare la situazione migliore per tutti. Potrebbe anche rimanere“.

La convivenza tra due portieri come Reina e Donnarumma non sarà un problema: “Noi siamo felici di avere due portieri di questo livello. Gigio ha vissuto un momento delicato per una serie di vicende, ma ha ancora un potenziale enorme e sarà importante per lui avere alle spalle un giocatore esperto e che trasmette questa energia come Reina. La sua presenza è una garanzia. Gattuso saprà sicuramente gestire questa situazione. Avremo tantissime partite e l’allenatore ne terrà conto, ma non sono ancora state fatte scelte a priori“.

Anche per Maldini si parte dalle sensazioni per il ritorno a Milanello: “Sono cambiate molte cose e persone, ma Milanello è un posto che mantiene la sua magia e che mi suscita sempre grandi emozioni. Ho visto grande rispetto nei confronti miei e di Leonardo da parte dei giocatori, soprattutto da parte dei più giovani. Spero ovviamente di avere un’influenza nei loro confronti“.

Sulle parole di Capello: “Fa piacere avere la stima dalle persone con cui ho lavorato nel tempo. Lui per me è stato un maestro. Lui sa cosa vuol dire per me il Milan e lui stesso ne ha fatto parte. Ha ben chiara qual è l’ideale di una squadra nostra“.

L’obiettivo del Milan è chiaro: “Il nostro obiettivo è quello di fare meglio che nella passata stagione, è inutile spiegare ai calciatori quale sia la differenza tra raggiungere la Champions League piuttosto che l’Europa League“.

Nonostante la giovane età, la difesa è comunque esperta: “Il giudizio tecnico lo dà l’allenatore. Meglio Donnarumma o Reina dietro una linea così giovane? Noi abbiamo un centrale come Romagnoli che, pur essendo del ’95, ha già grande esperienza e ha tutto per guidare questo reparto, di cui siamo molto soddisfatti“.

Tornare al Bernabeu sarà una grande emozione: “Bella sensazione, perchè credo che in quello stadio e in quella partita sia iniziato il ciclo vincente di quel Milan. Quello che so, perchè ho parlato più volte con il presidente Florentino Perez, è che vuole che il Milan torni ad alti livelli. Ci sta aspettando, siamo stati un avversario molto duro e molto leale per loro“.

In chiusura, sulle parole di Bonucci: “Non ero qui presente nel suo anno al Milan, ma so che ha avuto inizialmente delle difficoltà prima di integrarsi bene nello spogliatoio. Mi risulta difficile rispondere a questa domanda“.

? Pillola di Fanta

Dopo una stagione da protagonista nel centrocampo del Chelsea, Bakayoko potrebbe finire al Milan. Dei vari nomi fatti per il centrocampo dei rossoneri, quello del francese è forse quello che entusiasma meno, anche i fantallenatori. Per lui nell’ultima stagione solo due gol e due assist in 29 presenze in campionato. METRONOMO

Fonte foto:acmilan.com

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A