Serie A

Serie A, lo svincolato Aquilani: “Voglio tornare, mi piacerebbe il Sassuolo”

Serie A, lo svincolato Aquilani: “Voglio tornare, mi piacerebbe il Sassuolo”

Il centrocampista vorrebbe riabbracciare il campionato italiano a parametro zero dopo aver girato l'Europa. L'intervista tra ricordi e futuro

Ha giocato prima in Inghilterra, poi in Portogallo e nell'ultima stagione in Spagna, ma tra le varie esperienze Alberto Aquilani è sempre tornato per una parentesi in Serie A, campionato che sente più suo e al per il quale anche stavolta sente un'attrazione irrefrenabile. Dopo aver giocato tra le fila degli iberici del Las Palmas, infatti, il centrocampista si dice pronto per un ennesimo ritorno e lancia tramite un'intervista alla Gazzetta dello Sport un appello alle società nostrane, prima su tutte il Sassuolo, che lo intriga particolarmente. Poi commenta il mercato appena concluso e ricorda alcuni momenti del proprio passato.

Le parole di Aquilani

Sull'esperienza al Las Palmas: “Non è andata bene: abbiamo cambiato 4 allenatori in 5 mesi e oltre 40 giocatori, Avevo un altro anno di contratto ma non me la sentivo di scendere in Segunda e mi sono liberato per provare qualcosa di nuovo. Sono comunque rimasto colpito dalla Liga“.

Su CR7: “Complimenti alla Juve: un colpo incredibile dal punto di vista tecnico e commerciale. Se prima era imbattibile, figuriamoci ora. Con CR7 è attrezzata per vincere la Champions“.

Sull'anti-Juve: “Se la giocano Roma e Napoli. Vedo però la Roma un gradino sopra. Di Francesco è un martello anche se il loro mercato ha l'incognita Pastore: grande talento, ma come mezzala può faticare. Il Napoli potrebbe aver bisogno di tempo: con Sarri era una macchina perfetta, Ancelotti è un grandissimo ma è al primo anno. Poi non sottovaluterei l'Inter che ha fatto acquisti importanti. Con Spalletti e la sua esuberanza può fare il salto di qualità“.

Sul Milan: “Sicuramente qualcosa cambierà, hanno preso Higuain, un grandissimo. Ma secondo me restano un gradino sotto“.

Su Bonucci alla Juve: “Sono rimasto stupito. La decisione di Leo è stata coraggiosa. Probabilmente la Juve ha ritenuto Caldara non pronto“.

Sul suo mancato riscatto del Milan nel 2012: “Dovevo fare 25 presenze per far scattare l'obbligo di riscatto dal Liverpool. A dicembre ero già a 18 e mancavano 6 mesi. A gennaio però mi sono infortunato, sono sato fermo 3 mesi e quando sono rientrato Galliani mi disse che preferiva non scattasse l'obbligo. Voleva farmi tornare in Inghilterra e trattarmi in seguito. Così il Liverpool si è sentito preso in giro dal Milan e ha preferito trattare con altre squadre“.

Sul suo futuro: “Ho fatto la preparazione col Las Palmas, poi ho rescisso e mi sto allenando a Roma col mio preparatore. Mi sento pronto per una nuova esperienza, ho giocato 23 partite nella Liga, un ottimo campionato. Ho 34 anni e posso giocare ancora a buoni livelli. Però aspetto il progetto giusto. Alcune proposte sono arrivate ma non le ritengo adatte. In Italia ci sono stati solo approcci. Dall'estero invece sono arrivate le più concrete, ma per ora non le ho prese in considerazione perché la mia priorità è la A. Ho ancora qualcosa da dare qui. Mi stimola il Sassuolo di De Zerbi: è un allenatore forte e mi sarebbe piaciuto essere allenato da lui“.

Sul un eventuale ritorno alla Roma: “È come se mi chiedessero se voglio giocare il Mondiale. Ma come faccio? Sarei dovuto tornare 4 anni fa. Sono contento di quello che ho fatto per la Roma, tornare sarebbe un sogno, ma sono il primo a dire che non è possibile. Mi piacerebbe un giorno allenarla“.

? Pillola di fanta

Lo scorso anno ha disputato 23 partite con il Las Palmas senza centrare alcun bonus, gol o assist che fosse. Stessa cosa nella stagione precedente trascorsa proprio a Sassuolo. Il picco in Serie A lo ha avuto nel 2012-13 alla Fiorentina, quando trovò 7 reti e 6 assist, ma si parla di ben sei anni fa. Dovesse tornare, alletterebbe poco al fantacalcio. CALANTE


Giovanni Rosati

Appassionato di calcio e scrittura sportiva, abituale del calciotto del venerdì sera e presidente di FantaLega impegnato ogni anno in tre diversi fantacalci (perché basta vincerne uno per potersi definire "campione", no?). Poi anche giornalista pubblicista, laureato e tutto il resto.

Commenta

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A
# Squadra G V P S +/- Punti
1 Inter Milan

Inter Milan

38 29 7 2 67 94
2 AC Milan

AC Milan

38 22 9 7 27 75
3 Juventus

Juventus

38 19 14 5 23 71
4 Atalanta

Atalanta

38 21 6 11 30 69
5 Bologna

Bologna

38 18 14 6 22 68
6 Roma

Roma

38 18 9 11 19 63
7 Lazio

Lazio

38 18 7 13 10 61
8 Fiorentina

Fiorentina

38 17 9 12 15 60
9 Torino

Torino

38 13 14 11 0 53
10 Napoli

Napoli

38 13 14 11 7 53
11 Genoa

Genoa

38 12 13 13 0 49
12 Monza

Monza

38 11 12 15 -12 45
13 Verona

Verona

38 9 11 18 -13 38
14 Lecce

Lecce

38 8 14 16 -22 38
15 Udinese

Udinese

38 6 19 13 -16 37
16 Cagliari

Cagliari

38 8 12 18 -26 36
17 Empoli

Empoli

38 9 9 20 -25 36
18 Frosinone

Frosinone

38 8 11 19 -25 35
19 Sassuolo

Sassuolo

38 7 9 22 -32 30
20 Salernitana

Salernitana

38 2 11 25 -49 17

Rubriche

Di più in Serie A