Seguici su

Serie A

Inter, cambia il futuro di Joao Mario: da problema a risorsa

Joao Mario Inter

Dopo le critiche e il rischio di essere messo fuori rosa, Joao Mario potrebbe trasformarsi in una risorsa per i nerazzurri. Spalletti tenta il recupero

Il futuro di Joao Mario all’Inter potrebbe cambiare ancora. Pagato 40 milioni nel 2016 e accolto come una star dopo l’europeo vinto, il portoghese non ha mai inciso. Dopo una prima stagione difficile, Spalletti ha tentato di recuperarlo senza, però, riuscirci. Il centrocampista è, quindi, andato in prestito al West Ham, senza impressionare e tornando a Milano controvoglia. Dopo le dichiarazioni di giugno, quando disse che non sarebbe andato in ritiro, e i tentativi dell’Inter di cederlo, Joao Mario potrebbe essere trasformato da Spalletti in una risorsa, al punto che potrebbe essere impiegato nella gara di Marassi contro la Sampdoria. Le ragioni del recupero possono essere più di una.

Inter, Joao Mario: “Valgo ancora 45 milioni. In nerazzurro? Non torno”

Coperta corta a centrocampo

I nerazzurri, nel mercato estivo, hanno tentato fino all’ultimo di prendere Modric per completare un centrocampo che, escluso Joao Mario, include solo cinque elementi. Giocando con tre centrocampisti (due davanti alla difesa e uno sulla trequarti), Spalletti avrebbe bisogno di almeno sei uomini in mezzo al campo per affrontare tre competizioni. Da qui arriva l’idea del tecnico di Certaldo di reintegrare Joao Mario nel progetto Inter. L’allenatore toscano ha già recuperato Brozovic e la tecnica del portoghese potrebbe essere un’arma in più per competere su tre fronti. Se il giocatore riuscirà ad applicarsi e tornerà quello del 2016, i nerazzurri potranno contare a pieno su di lui.

Questioni di bilancio

I 40 milioni spesi nel 2016 per Joao Mario pesano e non poco sul bilancio dell’Inter. I nerazzurri, quindi, prima di perdere un investimento così importante, vogliono provare in tutti i modi a recuperare il portoghese. Il costo sul bilancio di quest’anno è di 24 milioni, cifra che, al momento, nessuna squadra è disposta a spendere. Un suo eventuale recupero potrebbe far risollevare il valore del cartellino e rendere il giocatore più appetibile sul mercato.

A queste due questioni, si può aggiungere il fatto che a nessuna squadra giova avere un giocatore scontento all’interno dello spogliatoio. Giocando, Joao Mario potrebbe ritrovare la fiducia giusta per affrontare al meglio la stagione. L’esordio a Marassi è probabile, anche perchè Spalletti potrebbe, ameno inizialmente, proteggere il portoghese dai fischi di San Siro, molto arrabbiato con il portoghese dopo le dichiarazioni di luglio. Il portoghese, come dichiarato da lui stesso, punta a trasformar le critiche in applausi, ma, per il mometo, un suo impiego negli impegni casalinghi è poco probabile.

Inter, Joao Mario confessa: “Capisco i fischi, ma lavoro per trasformarli in applausi”

Pillola di fanta

Qualcuno può avere puntato su di lui tra le risate generali. Risate che potrebbero trasformarsi in applausi se Spalletti dovesse recuperare il portoghese e portarlo a fare una grande stagione. OPERAZIONE RECUPERO

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A