Seguici su

Pagelle

Lazio-Genoa 4-1, le pagelle: Milinkovic-Savic devastante, Immobile killer

Milinkovic-Savic-Lazio

I due fuoriclasse biancocelesti schiantano i rossoblu, bocciati quasi in blocco. Bene anche i centrocampisti laziali, difesa ligure orribile

Grande prestazione della Lazio, che travolge il Genoa con un sonoro 4-1. Bene praticamente tutti i giocatori biancocelesti, tra cui spiccano i devastanti Immobile e Milinkovic-Savic: i due assi della squadra di Inzaghi prendono attivamente parte a tutti i gol del poker. Malissimo invece i rossoblu: difesa tremenda, si salvano solo gli attaccanti.

Lazio-Genoa 4-1, le pagelle

Lazio

Strakosha 6: incolpevole sul gol di Piatek, per il resto spettatore non pagante del match. VIOLATO

Wallace 6: soffre un po’ l’ingresso di Kouamé, ma alla fine se la cava sempre abbastanza bene. SUDATO

Acerbi 5: macchia la sua prestazione con l’errore in disimpegno che permette a Piatek di segnare il momentaneo 2-1. Una distrazione non perdonabile ad un difensore del suo calibro. DISATTENTO

Caceres 6: non prende quasi mai parte alla fase di manovra, soprattutto perché il grosso delle azioni si sviluppa sulla destra. DIMENTICATO

Marusic 6,5: la sua spinta costante è l’arma in più della Lazio, anche perchè i suoi dirimpettai non riescono quasi mai a fermarlo. TRENO

dall’86’ Patric s.v.

Parolo 6,5: un bell’assist per il 2-0 di Immobile, che corona una prestazione complessiva di ottimo livello. ONNIPRESENTE

Leiva 6: non demerita, ma è sicuramente il meno appariscente del centrocampo biancoceleste. Organizza la manovra con i tempi giusti. METRONOMO

Milinkovic-Savic 7,5: finalmente si rivede il ciclone serbo degli ultimi anni. Un gol e un assist che hanno un peso specifico enorme nella vittoria biancoceleste. TITANICO

dal 71′ Badelj 5,5: si segnala solo per un brutto fallo che gli costa l’ammonizione. IRRUENTO

Lulic 6,5: pennella il cross per il 3-1 e disputa un’ottima partita sia in fase offensiva che di contenimento. SOLIDO

Caicedo 6,5: ottimo primo tempo, in cui segna anche il gol del vantaggio biancoceleste. Il suo momento magico si riassume nell’ovazione dedicatagli al momento della sostituzione. DALLE STALLE ALLE STELLE 

dal 61′ Correa 6: prima sciupa una buona occasione a tu per tu con Marchetti, ma poi avvia l’azione per il 4-1 finale. LUCI E OMBRE

Immobile 7,5: riecco Ciro! Ricopre alla perfezione il ruolo di terminale offensivo ma si rende molto partecipe anche in fase di costruzione. La doppietta è il giusto riconoscimento per la sua prestazione. LETALE

All. Inzaghi 7: la scommessa sul tandem d’attacco “pesante” si rivela azzeccata: i difensori avversari faticano molto a contenere il doppio centravanti. Prepara la partita alla perfezione e torna a vincerla. AZZARDO

Genoa 

Marchetti 6: incolpevole sui 4 gol subiti, è uno dei pochi a salvarsi tra i suoi. CRIVELLATO

Biraschi 5,5: è il meno peggio tra i difensori, per la semplice ragione che non ha gravi colpe sui gol biancocelesti. Partecipa comunque attivamente al senso di smarrimento della retroguardia rossoblu. MALE MINORE

Spolli 5: infilato alle spalle da Immobile sul 2-0, viene sostituito dopo appena 30 minuti per riorganizzare la squadra. MEZZORA DI FUOCO

dal 30′ Kouamé 6: entra e dà una scossa, seppur parziale, al suo Genoa. Comunque uno dei più positivi tra i rossoblu. PERSONALITÀ

Zukanovic 5: si perde Caicedo sul gol che sblocca la partita e prende parte allo sbando collettivo della difesa. PARTENZA CON HANDICAP

Gunter 5: disattento e impreciso sia da esterno di centrocampo che, poi, da centrale. L’esperimento di Ballardini si è concluso in maniera disastrosa. TREMENDO

Romulo 5,5: sbaglia troppi passaggi e non regge il passo dei centrocampisti avversari. IN SOGGEZIONE

dal 57′ Lazovic 5,5: entra per portare qualità e pericoli sulla fascia, ma si rivela una mossa inutile. BLOCCATO

Bessa 5: perde il pallone che porta al 2-0 di Immobile e in generale gestisce male la manovra dei suoi. SCIPPATO

Hiljemark 5,5: un po’ meglio di Romulo in costruzione, ma raramente riesce a porre un filtro alle folate biancocelesti. INERME

Criscito 4,5: si perde Milinkovic sia sulla sponda per Caicedo che sul gol del 3-1. Come se non bastasse, soffre tantissimo la spinta di Marusic dalle sue parti. DRAMMATICO

Iuri Medeiros 6: qualche buono spunto nel primo tempo gli vale la sufficienza, soprattutto considerando la penuria di rifornimenti dalla squadra. INCOLPEVOLE

dal 62′ Sandro 5,5: non riesce a mettere ordine nel centrocampo rossoblu, finendo risucchiato nel ciclone biancoceleste. IMPALPABILE

Piatek 6,5: nessuno lo mette in condizione di segnare, quindi si crea il gol da solo pressando con determinazione Acerbi. L’unica nota davvero positiva di una trasferta disastrosa. AGGRESSIVO

All. Ballardini 5: prepara un Genoa troppo remissivo, che soffre la partenza a razzo della Lazio e perde la partita già dai primi 30 minuti. Il cambio di Kouamé riaccende un po’ la fiammella rossoblu, ma ormai la gara è compromessa. TIMOROSO.

Lazio-Genoa 4-1: la cronaca e il tabellino del match


Commenti
Annuncio pubblicitario
calciodangolo.com Collabora con noi

Classifica Serie A

Risultati Serie A

Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Pagelle