Seguici su

Serie A

Sassuolo-Empoli, De Zerbi: “Boateng sta bene. Di Francesco? Io avrei reagito”

Il tecnico neroverde presenta in conferenza stampa la sfida di domani sera al Mapei Stadium contro i toscani di Andreazzoli

Il primo anticipo della 5^ giornata di campionata mette a confronto Sassuolo ed Empoli. I neroverdi hanno iniziato alla grande la stagione: 2 vittorie ed un pareggio nelle prime 3 gare, e poi è arrivata la sconfitta di misura a Torino contro la Juventus. Al Mapei Stadium, però, gli emiliani vogliono riprendere il loro trend positivo. “Tutti quelli che hanno giocato con la Juve sono arruolabili. Boateng sta bene. Diversi ragazzi non sono al 100%, ma qualcuno dovrà giocare ugualmente. Lemos e Magnani hanno fatto bene quando sono scesi in campo, Ferrari a Torino è stato uno dei migliori nonostante l’errore sul gol. Anche Peluso quando rientrerà ci darà una mano. Io devo fare delle scelte e questo implica anche il dover far giocare a volte calciatori dello stesso ruolo. A me piace che tutti siano protagonisti: vogliono coinvolgere tutti – esordisce in conferenza stampa Roberto De Zerbi, che poi continua – Babacar è un giocatore importante per me, e lui lo sa. Quando riusciremo a trovare equilibrio giocherà insieme a Boateng. Speriamo di arrivarci il prima possibile, altrimenti dovremo avere pazienza. Ci sono comunque diversi attaccanti che potrebbero avere spazio adesso: da Boga a Matri, da Djuricic a Brignola“.

L’allenatore del Sassuolo cambia dunque decisamente argomento, e torna sulla vicenda nel finale di partita all’Allianz Stadium con protagonisti Di Francesco e Douglas Costa. “L’accaduto mi ha dato molto fastidio. Federico è un ragazzo esemplare, e mi ha giurato che non ha detto nulla di quello che viene scritto in giro. Io metto la mano sul fuoco per lui. Queste sono cose che dovrebbero rimanere in campo: dovrebbero vedersela i giocatori, lasciando stare i social – spiega De Zerbi, che infine conclude – Non voglio nemmeno puntare il dito contro Douglas Costa, ma c’è una cosa che mi fa arrabbiare pesantemente. Far passare un ragazzo come Federico da vittima a provocatore è assurdo. Vorrei vedere chi non avrebbe reagito, lui è stato bravissimo a non farlo. Io, ad esempio, non ci sarei riuscito“.

Consulta anche:

Le parole in conferenza stampa di Aurelio Andreazzoli

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A