Seguici su

Serie A

Spal, Semplici: “Dopo il primo anno siamo cresciuti. Lazzari? A giugno lo saluterò”

Semplici-allenatore-Spal

L’allenatore spallino fa il punto sugli obiettivi stagionali, si gode il secondo posto e coccola i suoi gioielli, in attesa di salutarli a giugno

Leonardo Semplici è sulla cresta dell’onda. La sua Spal, con nove punti dopo quattro partite, sta stupendo tutti. Nel giorno della sfida contro la Fiorentina, il tecnico spallino ha concesso un’intervista alla Gazzetta dello Sport in cui parla della situazione di classifica dei biancazzurri, degli obiettivi stagionali, di alcuni gioielli a sua disposizione e molto altro.

Nonostante il momentaneo secondo posto, il tecnico vola basso: “Noi siamo di passaggio in quella zona di classifica. Dobbiamo goderci il momento e aumentare la nostra autostima. Chi vince il campionato? La Juventus è la più forte, ma Ancelotti sa come si fa”.

Semplici ha avuto ottime parole per alcuni suoi gioielli, tra cui Petagna e Lazzari: “Petagna può fare 12-15 gol. Deve arrivarci se vogliamo sviluppare il nostro progetto. Ha scommesso su di noi e non era facile. Lazzari? Sorpreso di vederlo in ritiro. Pensavo che qualche big lo prendesse in estate, ora che è entrato nel giro della nazionale sono certo di salutarlo a giugno”.

Fiorentina-Spal, le parole di Semplici: “Meritiamo i nove punti. Siamo consapevoli delle nostre qualità”

La Spal sta compiendo un autentico miracolo, ma non è casuale: “Siamo cresciuti dopo il primo anno in Serie A. Abbiamo speso bene nonostante il nostro budget sia il penultimo del campionato. Vorrei diventare come il Chievo: una realtà in grado di stare a lungo in Serie A. Magari riuscendo una volta, come successe a Delneri, a piazzarci alle spalle delle grandi. Questo è un club gestito da una società seria”.

Semplici, nonostante un ottimo avvio, vive un po’ nell’ombra: “Non ho fatto una carriera da giocatore e non ho un cognome importante: sono solo Leonardo Semplici, uno che si è fatto da solo. Devo ringraziare mio babbo Silvano, che mi ha concesso di allenare, conservando il mio posto di venditore nel ramo dell’abbigliamento”. L’allenatore spallino ha le idee chiare su quale sia l’allenatore ideale:Una sintesi tra Allegri e Sarri”.

Pillola di fanta

La Spal di Semplici sta sorprendendo e, chi ha deciso di puntare su alcuni uomini come Lazzari, Petagna o Kurtic, si sta togliendo delle soddisfazioni. Se le prestazioni rimarranno su questo livello, si preannuncia una stagione esaltante e una permanenza in Serie A. RIVELAZIONE

 

 

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A