Seguici su

Champions League

Valencia-Juventus, Marotta: “Vogliamo portare in squadra tanti giovani. Con Ronaldo diversi benefici”

Giuseppe-Marotta

Poco prima del fischio d’inizio del match contro il Valencia, ha parlato l’amministratore delegato della Juventus Giuseppe Marotta

Dopo l’esordio di Inter e Napoli di ieri, oggi è il turno di Juventus e Roma, pronte ad iniziare questa nuova stagione di Champions League. Nel match d’esordio i bianconeri saranno impegnati contro gli spagnoli del Valencia. A pochi minuti dal fischio d’inizio del match del Mestella – ai microfoni di Sky Sport – ha parlato l’amministratore delegato della Juventus Giuseppe Marotta: “C’è l’orgoglio di essere tornati a quattro squadre italiane. È un torneo con delle componenti particolari, diverse dal campionato, in cui vince sempre la squadra più forte. Qui è diverso, speriamo vada bene“.

In una squadra come la Juventus non ci sono titolari o riserve: “Il fatto di essere qui deve essere motivo di orgoglio. La differenza tra chi gioca e chi non gioca è minima. È soddisfazione e orgoglio vestire questa maglia, che giochi uno o l’altro è relativo“.

L’idea è quella di inserire in squadra un numero sempre maggiore di giovani: “Per il resto ci lascia perplessi come Real e Barcellona riescano a portare in squadra tanti giovani. Dobbiamo arrivare a farlo anche noi, dobbiamo trovare allenatori e formatori all’altezza“.

La Juventus è una delle favorite, ma anche le spagnole sono forti: “Rompere il predominio delle spagnole non è facile, siamo in un momento di involuzione come nazione di calcio. Dobbiamo recuperare questo gap, la Juve ha fatto già un grande sforzo e ci sono già grandi benefici con Ronaldo“.

 

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Champions League