Seguici su

Serie A

Fiorentina, Benassi: “La Nazionale è un onore, vogliamo migliorarci”

twitter.com/acffiorentina

Il centrocampista viola ha parlato degli obiettivi nel suo club e in Nazionale, chiamando in causa il compagno Biraghi e ricordando capitan Astori

Un inizio di campionato veramente sprint quello di Marco Benassi, che con la sua Fiorentina ha trovato tre reti nelle prime due giornate per poi fermarsi in fase realizzativa. Sconfitta solo da Inter, Lazio e Juventus, la giovane compagine viola ha stupito per il buon gioco espresso in queste prime gare e parte del merito va certamente al centrocampista, presente in ognuna di esse. Ha parlato degli obiettivi in viola e in azzurro a L’Unione Sarda l’ex Toro, che non ha dimenticato di citare il suo compagno Biraghi e soprattutto capitan Astori.

Le parole di Benassi

Sulla maglia azzurra: “È stato un onore essere chiamato con la Nazionale e spero di poter tornare presto ad indossare la maglia azzurra. Mancini è un grande tecnico, ha notevole esperienza, sia in Italia che all’estero, e credo possa riportare l’Italia ai livelli che le competono“.

Sul compagno Biraghi: “Cristiano prima di tutto è un amico quindi non posso che parlare bene di lui. È un bravissimo ragazzo e un professionista esemplare che è cresciuto costantemente negli anni. Non mi sorprende affatto la sua crescita perché so quanto lavoro e quanta fatica ci sono alle spalle“.

Su Astori: “Davide è stato un capitano con la C maiuscola. Ha dato tanto a tutti noi, in primis dal lato umano. Era un punto di riferimento nello spogliatoio, ha accolto tutti i nuovi lo scorso anno in una maniera esemplare, sapeva trasmetterci dei valori, ci univa e continuerà ad unirci sempre“.

Sull’obiettivo viola: “Sicuramente abbiamo avuto un buon inizio di stagione, ma parlare già ora di obiettivi è esagerato. Noi pensiamo partita per partita e l’unica cosa che posso dire è che vorremmo far meglio della passata stagione“.

Sulla concorrenza: “Non è un problema: più talenti ci sono in giro e meglio è per tutto il movimento. spero prima di tutto che la Fiorentina faccia una buona partita. Quanto ha me, mi auguro di poter aiutare la squadra. Se poi arrivasse un gol non sarebbe certo male…“.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A