Seguici su

Nazionali

Italia, Mancini: “Con il 4-3-3 sta andando bene, vogliamo continuità”. Chiellini: “Serve fiducia”

Al termine dell’incontro del Quirinale con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, hanno parlato Roberto Mancini e Giorgio Chiellini

All’indomani dell’importante vittoria sulla Polonia, che ha dato fiducia all’Italia, gli azzurri sono stati ospiti al Quirinale del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione dei 120 anni della FIGC. Al termine dell’incontro Roberto Mancini e Giorgio Chiellini hanno parlato davanti ai giornalisti presenti. Il tecnico è partito parlando dell’incontro e delle pressioni: “Oggi è un giorno bello perché siamo stati dal Presidente della Repubblica e, siccome non capita spesso, è un giorno particolare. Obiettivo mondiale? Qatar 2022 è ancora lontano. Noi cerchiamo di fare sempre del nostro meglio, vorremmo sempre vincere e giocare sempre meglio, ma questo dipende anche dai nostri avversari“.

Non ci sono11 titolari, l’unica cosa fissa per ora è il modulo: “Noi dobbiamo avere tanti giocatori, non possiamo far giocare sempre gli stessi. 4-3-3? In questo momento le cose stanno andando bene così. Abbiamo dei giocatori che possono giocare con questo sistema e hanno più difficoltà con altro. Anche se, alla fine, quello che conta è l’atteggiamento propositivo“.

La vittoria contro la Polonia può essere la gara della svolta: “Io penso che la gara con l’Ucraina sia stata giocata bene, meritavamo un risultato diverso. La partita di ieri è stato un momento importante e mi fa piacere per i ragazzi, se lo meritavano“.

L’obiettivo adesso è confermarsi anche contro il Portogallo: “L’obiettivo è dare continuità a quanto fatto nelle ultime due gare col Portogallo in casa. Il Portogallo in questo momento è ancora un po’ superiore a noi, sono i campioni d’Europa in carica, ma l’obiettivo è quello di batterli a Milano“.

Come detto prima, insieme a Mancini ha parlato anche capitan Chiellini: “È un onore per tutti noi rappresentare l’Italia del calcio. Onore in particolare per me nelle vesti da capitano, nel raccogliere l’eredità di un grande esempio come Gigi Buffon. Unione e ripartenza, queste sono le parole chiave per me quest’oggi. Abbiamo l’onore di rappresentare l’Italia, e dobbiamo avere unità come movimento, sia noi dal punto di vista tecnico, che per quanto riguarda i media e i tifosi“.

Per uscire da questo momento complicato adesso l’Italia avrà bisogno anche dei tifosi: “L’Italia ha bisogno della fiducia di tutti per ripartire e tornare quelli che eravamo. Abbiamo vinto quattro Mondiali e un Europeo, serve la fiducia di tutti per imporsi in Italia e nel mondo, ripartendo dai successi ottenuti nella storia. Noi abbiamo il compito di prendere per mano la nuova generazione per tornare a fare quello che abbiamo sempre fatto: competere per vincere“.

Pillola di Fanta

Con quella contro la Polonia, Giorgio Chiellini è salito a quota 99 presenze con la maglia della nazionale maggiore. Contro il Portogallo anche lui potrebbe entrare dunque nel club dei centenari. Oltre che per l’Italia, il capitano della Juventus è però una sicurezza anche per diverse fantasquadre. In Serie A per lui è arrivato anche un assist. LEADER

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Nazionali