Seguici su

Serie A

Napoli, Ancelotti: “Non c’è Maradona, ma un gruppo. CR7? Ha una colpa..”

Carlo-Ancelotti-Napoli
© imagephotoagency.it

Il tecnico partenopeo ha parlato a France Football prima della sfida con il PSG. Ecco alcune anticipazioni delle parole di mister Ancelotti

Mancano pochi giorni al ritorno di Carlo Ancelotti a Parigi per la sfida tra PSG e Napoli. I partenopei, forti dei 4 punti conquistati fino ad ora, si presenta al cospetto di Neymar e compagni con la speranza di difendere il primo posto nel girone. Sarà un’impresa durissima e servirà una grande notte di Champions League.

Il ritorno a Parigi

Nonostante il titolo di campione di Francia conquistato nel 2013, il rapporto tra Ancelotti e la dirigenza non è mai decollato. Ed anche l’ultimo ritorno da avversario non è stato particolarmente fortunato: un 3-0 patito in trasferta dal suo Bayern Monaco che costò il posto sulla panchina dei bavaresi all’attuale tecnico del Napoli. Ma il giudizio sul suo ex club – come svelano le prime anticipazioni dell’intervista rilasciata a France Football – è lusinghiero: “Il PSG è tra i migliori club di Europa, può sicuramente vincere la Champions League e mi fa piacere vedere i progressi del club in questi anni“.

Lo stile Ancelotti

Quando gli domandano quale sia la peculiarità del suo modo di allenare, il mister risponde: “Non esiste un chiaro stile Ancelotti perché costruisco il mio gioco secondo le caratteristiche dei miei giocatori. Studio i giocatori che ho a disposizione e cerco di adattare il mio stile a loro. Nel mio Napoli non abbiamo Maradona, ma un gruppo di alto livello. Da diversi anni giochiamo molto bene e io cercherò di portare esperienza, coraggio e personalità nei momenti in cui giochiamo meno bene“. Infine un pensiero su un altro suo ex, CR7: “Cristiano Ronaldo è un grande professionista e il suo arrivo è un segnale importante per l’immagine di tutta la Serie A. Ha una sola colpa – aggiunge scherzosamente Ancelotti – essere andato alla Juventus!“.

Pillola di Fanta

Non avrà uno stile definito, ma la cura Ancelotti sta rivitalizzando tutta la rosa a sua disposizione. L’ultimo della lista è stato Rog, a segno nella trasferta di Udine dopo appena 40 secondi dal suo ingresso in campo. TONICO

 

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

Di più in Serie A