Serie A

Napoli, Koulibaly: “Piangerò lasciando questa città”

Napoli, Koulibaly: “Piangerò lasciando questa città”

Il difensore partenopeo confessa il suo amore per Napoli, e svela le caratteristiche dei tre tecnici che lo hanno allenato: Benitez, Sarri e Ancelotti

Dal 2014 quando è stato prelevato dal club belga del Genk ad oggi Koulibaly si è ritagliato il ruolo di centrale inamovibile della difesa del Napoli. Tutti i tecnici che lo hanno allenato in azzurro non hanno mai fatto a meno del senegalese, difensore roccioso e dotato di grande senso della posizione, che ha attirato su di sé l'attenzione dei principali club europei.

L'amore per la città

Koulibaly però si trova benissimo a Napoli, come rivela nell'intervista al Corriere dello Sport, e sente un forte senso di appartenenza alla città: “Io sono e mi sento francese, senegalese e napoletano. Quando lo dico la gente ride, ma è veramente così perché mi hanno trattato benissimo fin da quando sono arrivato e questo lo ricorderò sempre. Poi Napoli è bellissima, la gente vive il calcio con passione quasi come una febbre“. Accoglienza che purtroppo non è sempre così calorosa in altri stadi d'Italia dove la piaga del razzismo è ancora presente: “I buu mi infastidiscono, non li accetto perché non sono rivolti solo contro di me per il colore della mia pelle, ma a volte anche contro la gente del Sud. Ma quando Insigne, che forse è il miglior giocatore italiano, viene fischiato in alcuni stadi perché meridionale, poi in Nazionale come lo devi trattare?“. Il senegalese svela poi un curioso aneddoto: “Il mio portiere di casa, che si chiama Ciro, mi ha detto che quando arrivi a Napoli piangi due volte, quando arrivi e quando vai via. Aveva ragione. Se un giorno dovrò andare via, spero il più lontano possibile, è sicuro che piangerò“.

Da Benitez ad Ancelotti

Senza esprimere preferenze il difensore passa in rassegna anche i tre allenatori che lo hanno fatto crescere all'ombra del Vesuvio: “Benitez mi ha fatto scoprire il calcio vero. Ero in Serie B francese, poi in Belgio, e lui mi ha dato l'opportunità di andare in Serie A. Il suo calcio e quello di Ancelotti si somigliano. Il mister ha una grande umiltà e non smette di avere voglia di vincere. Ci dà fiducia e spero di poter fare qualcosa di bello con lui. Alla sua età mi auguro di essere una persona simile a lui, a mia moglie lo dico sempre“. Sarri? :”Il suo calcio per me era veramente bellissimo, mi ha permesso di vedere in un'altra maniera. Oggi quando guardo qualsiasi partita, non la vedo più come 4-5 anni fa“.

Pillola di Fanta

Koulibaly è uno dei giocatori più impiegati anche da Ancelotti, che lo dispensa da qualsiasi logica di turnover avendolo schierato titolare in dodici partite su dodici. ROCCIA


Fabio Fedele

Partenopeo e parte milanese, classe 1988. Amante delle doppie cifre e delle iniziali uguali. Vivo il calcio in ogni suo aspetto e ogni giorno sogno un giro in motorino con De Laurentiis

Commenta

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

Probabili formazioni Serie A

Classifica Serie A

Serie A
# Squadra G V P S +/- Punti
1 Inter Milan

Inter Milan

37 29 6 2 67 93
2 AC Milan

AC Milan

37 22 8 7 27 74
3 Bologna

Bologna

37 18 14 5 24 68
4 Juventus

Juventus

37 18 14 5 21 68
5 Atalanta

Atalanta

36 20 6 10 28 66
6 Roma

Roma

37 18 9 10 20 63
7 Lazio

Lazio

37 18 6 13 10 60
8 Fiorentina

Fiorentina

36 15 9 12 13 54
9 Torino

Torino

37 13 14 10 3 53
10 Napoli

Napoli

37 13 13 11 7 52
11 Genoa

Genoa

37 11 13 13 -2 46
12 Monza

Monza

37 11 12 14 -10 45
13 Verona

Verona

37 9 10 18 -13 37
14 Lecce

Lecce

37 8 13 16 -22 37
15 Cagliari

Cagliari

37 8 12 17 -25 36
16 Frosinone

Frosinone

37 8 11 18 -24 35
17 Udinese

Udinese

37 5 19 13 -17 34
18 Empoli

Empoli

37 8 9 20 -26 33
19 Sassuolo

Sassuolo

37 7 8 22 -32 29
20 Salernitana

Salernitana

37 2 10 25 -49 16

Rubriche

Di più in Serie A