Seguici su

Champions League

Psv-Inter, Van Bommel: “Coi nerazzurri è un derby, al Milan ero felice”

Mark-van-Bommel-PSV

L’allenatore dei rivali olandesi dei nerazzurri parla alla vigilia del match ricordando anche la propria carriera da giocatore del Milan

Prima in Champions League da allenatore per Mark Van Bommel, che trova subito col suo Psv una sfida emozionale. L’esordio nella massima competizione europea per club lo mette infatti di fronte all’Inter, la stessa squadra contro cui ha giocato 3 derby di Serie A vestendo la maglia del Milan. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, l’olandese ha ricordato il suo periodo rossonero e fatto un punto sulla situazione attuale della sua squadra.

Le parole di Van Bommel

Sulla sfida all’Inter: “Sarà un piccolo derby per me. Sono passati otto anni da Madrid, ma fa ancora male. L’Inter di Mourinho era tatticamente perfetta. Però quando sono venuto al Milan nel gennaio 2011 mi sono rifatto. Vincemmo il derby di ritorno 3-0 e andammo 5 punti sopra l’Inter. A fine anno fu scudetto“.

Sul sorteggio Champions: “Siamo stati molto sfortunati, è il girone più difficile di tutti. Temo tutte e tre, ma tutti possono vincere contro tutti. Quando affronto il Barça è speciale, con loro ho vinto la Champions. In quella squadra c’erano Eto’o e Ronaldinho, due fenomeni. Allora eliminammo il Milan vincendo 1-0 a San Siro e poi rischiando al ritorno in casa col gol annullato a Shevchenko. Mi piaceva il Milan degli olandesi. Quando arrivai a Milano ero felice. C’erano giocatori impressionanti come Ibrahimovic, Thiago Silva, Pato, Gattuso, Nesta, Inzaghi, Pirlo…“.

Sul suo PSV: “Questo club è una famiglia, in campionato siamo primi a punteggio pieno ma le cose possono cambiare velocemente. Per prima cosa voglio i 3 punti, sempre. Li desidero anche quando non riusciamo a giocare bene. La cosa più importante nel calcio è vincere, tutto il resto è secondario“.

Su Gattuso e Allegri: “Il primo è uno dei più forti con cui ho giocato, poi come allenatore sta facendo bene, ma finora ha avuto poca fortuna. Nonostante questo, posso dire che ha ottime idee. Allegri capisce di calcio, ma non so se basta Ronaldo per essere favoriti per la vittoria della Champions“.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di più in Champions League