Seguici su

Ultime notizie

Sacchi: “In Italia si gioca un calcio vecchio, serve l’innovazione”

arrigo sacchi
www.imagephotoagency.it

L’ex allenatore parla dal Festival dello Sport, criticando l’attuale visione del calcio esistente in Italia. Poi svela un retroscena su Berlusconi e Ancelotti

Dopo le parole di Ancelotti e quelle di Guardiola, al Festival dello Sport di Trento è intervenuto anche Arrigo Sacchi. L’ex tecnico ha analizzato l’attuale calcio italiano: “Le idee e il coraggio sono alla base di un’avventura. In Italia, però, c’è una naturale resistenza al cambiamento. Il giocatore deve essere al servizio del gioco, ma a parte cinque o sei squadre avviene il contrario. Io ho sempre pensato che una vittoria senza merito non era un reale successo: senza la bellezza, le emozioni ma soprattutto l’innovazione questo sport sarebbe finito”.

Sacchi svela poi un retroscena riguardante Ancelotti: “Berlusconi pensava che acquistarlo sarebbe stata una fregatura, perché aveva un’inabilità del ginocchio sinistro del 20%. Io dissi che sarebbe stato peggio se avesse avuto carenza a livello mentale. I piedi sono uno strumento, ma il calcio si gioca con la testa. Ancelotti è stato un giocatore non troppo veloce ma molto intelligente”.


Commenta

Rispondi

Annuncio pubblicitario
Pubblicità Fantacalcio Fantardore 2020-21
Annuncio pubblicitario

Classifica

Di più in Ultime notizie